Ritiro dal mercato del deodorante Neutral della Unilever

Ritiro dal mercato del deodorante Neutral della Unilever


Il sistema che assicura la sicurezza del cosmetico concentra la responsabilità su chi lo produce e mette sul mercato.

Grandi gruppi industriali possono investire di più ed hanno di più da perdere quando il sistema non funziona. Per questo c’è sempre da imparare nei rari casi in cui si vede un grande gruppo procedere al ritiro dal mercato di un suo prodotto.

La Danimarca nel 2015 ha notificato al RAPEX, il sistema di allerta rapido europeo, un problema di contaminazione microbica di un deodorante della Unilever.

In realtà la scoperta del rischio di contaminazione in un lotto di un deodorante roll-on l’ha fatta la stessa azienda produttrice che già nel 2014 aveva segnalato la cosa procedendo al ritiro volontario in vari paesi nordeuropei .

La notifica del Rapex

Category:Cosmetics

Product:Deodorant

Brand:Unilever

Name:Neutral Deo Roll-On

Type/number of model:Neutral (50ml)

Batch number/Barcode:5740500002078 8710522023471 8711600038240

Description:50ml Neutral (fragrance free) roll-on deodorant product in a white tube. All items manufactured between 25/05/14 and 01/07/14.

Country of origin:United Kingdom

Click on the picture to enlarge

Microbiological
A limited number of deodorants may have been contaminated with the micro-organism Burkholderia that may potentially cause illness in some consumers, particularly those with a weakened immune system (e.g. hospitalized patients and people suffering from cystic Fibrosis). The product does not comply with the Cosmetics Regulation.

Voluntary measures: Recall of the product from end users

Fin qui niente di strano , un numero limitato di prodotti contaminati, uno scivolone che potrebbe accadere a qualunque azienda anche la meglio organizzata, specie con prodotti formulati senza conservanti.

Il richiamo volontario in molti paesi nordici porta a pensare che non abbiano cercato di nascondere la polvere sotto il tappeto, adottando le procedure più drastiche quando emerge una non conformità .

Proprio perché si parla di una azienda leader, certamente non carente dal punto di vista tecnico e del controllo di qualità, è utile domandarsi cosa può essere successo.

La formula è di una semplicità estrema.
Ingredienti: Aqua, Aluminum Chlorohydrate, Glycerin , Hydroxyethylcellulose .

Solo 4 ingredienti, includendo anche l’acqua. Difficile trovare cosmetici più semplici.

Il marketing si è focalizzato sul 0% , che compare anche in etichetta, cavalcando la moda dei cosmetici FREE.

Senza alcohol, senza parabeni, senza profumi, senza coloranti ; portando all’estremo questa moda visto che è così facile vendere un cosmetico, basta che sia “senza” qualcosa, presto usciranno cosmetici senza niente dentro.

Qui ci sono andati vicino e la lista ingredienti è quanto di più essenziale ci si poteva aspettare per un deodorante.
L’agente antitraspirante, Aluminum Chlorohydrate, è utilizzato da anni in quasi tutti gli antitraspiranti sul mercato .
Il gellante, viscosizzante, Hydroxyethylcellulose, è uno di quelli stabili anche a pH acido.
La glicerina, oltre a ridurre l’acqua libera, rallenta l’evaporazione del prodotto applicato.

La formula non è solo senza parabeni, come pubblicizzano, ma senza un qualunque altro conservante. Si tratta cioè di un cosmetico auto-conservato, self-preserved.
È abbastanza normale negli antitraspiranti con alto tenore di sali di alluminio.
Non è dovuto solo della ridotta attività dell’acqua come avremmo in ogni soluzione salina ad alta concentrazione, come una salamoia.

Praticamente tutti i metalli, non solo quelli pesanti, hanno una loro attività antimicrobica. Chi più chi meno, con meccanismi non del tutto compresi , ma dove sospetto che la capacità di legarsi con legami coordinati alle proteine ed enzimi non sia irrilevante.

Formulando con alte concentrazioni di alluminio, ma anche di zinco o rame si sa che questi metalli possono inibire la crescita batterica.
Per questo visto che in un antitraspirante le concentrazioni di Aluminum Chlorohydrate possono essere superiori al 20% è abbastanza normale che non siano necessari ulteriori conservanti. Specialmente se in formula sono presenti anche alcohol e profumi.
La soluzione di Aluminum chlorohydrate ha un pH acido che già di suo non agevola la proliferazione batterica.

Alcune restrizioni nazionali ( es.: Canada < 25% ) ed una crescente diffidenza verso i sali d’alluminio nella cosmesi spingono oggi i formulatori ad abbassare la concentrazione di Aluminum Chlorohydrate e analoghi agenti anti-traspiranti, questo comporta che anche l’effetto autoconservante sia ridotto.

Non conosco l’esatta concentrazione di Aluminum Chlorohydrate  nel prodotto ritirato, ma  si è portati a pensare che non fosse sufficiente a stabilizzare microbiologicamente il prodotto, specie considerando che alcuni ceppi , anche di Burkholderia, mostrano una crescita nella resistenza ai metalli al pari di quella agli antibiotici.

 

Rodolfo Baraldini

pubblicato 18 febbraio 2015

articoli correlati:

ALLARME : ALLUMINIO nei cosmetici – QUANDO LA BUFALA SI INTRECCIA CON L’ALLARME REALE

Cosmetici senza conservanti ?

riferimenti:

Opinione sccs 2014 : aluminium

I commenti, le testimonianze e le opinioni sono sempre graditi. I programmi anti-spam possono far si che il commento sia visibile nel blog solo dopo approvazione. Per inserire nei commenti un link, rimuovere http:// e www. I commenti con argomentazioni ad personam, promozionali o non pertinenti verranno cancellati. Non è questa la sede per supportare le proprie tifoserie, fedi o ideologie.

6 Commenti

  1. Ciao Rodolfo, quale/i componenti deve avere un buon deodorante per avere una discreta efficacia e non essere troppo antitraspirante? Te lo chiedo perchè sono in gravidanza, ho provato un deodorante nivea in crema estremamente efficace, ma che ho smesso di usare perchè mi sono formati noduli dolorosi sotto le ascelle.
    Cerco un buon compromesso tra efficacia e tollerabilità.
    Grazie

    • Ogni grave reazione avversa e per me noduli dolorosi sono una grave reazione avversa deve essere denunciata o alle usl o alla azienda.. Personalmente considero le formulazioni in crema per antitraspiranti tra le più efficaci sia perché aumentano la penetrazione dei sali di alluminio di cui si può abbassare il dosaggio sia perché possono fornire emollienza, occlusione e assorbimento nello stesso tempo. Nel tuo caso se hai problemi con i sali di alluminio, ma è tutto da dimostrare, puoi cercare deodoranti blandamente antitraspiranti basati su ossido di zinco, polveri assorbenti e zinco ricinoleate.

      • Grazie…non mi era mai successo, questo deodorante è il dry comfort plus 24h, potentissimo da bloccare la traspirazione, più che regolarla come c’è scritto…

  2. Non ci vedo molto da imparare , hanno fatto solo un grave errore quelli dei controlli microbiologici

  3. Non ho mai capito come funziona, mi potresti spiegare perché i sali d’alluminio impediscono la traspirazione ? Si può avere lo stesso effetto con ingredienti diversi ?

    • Nn tutti i sali di alluminio impediscono la traspirazione, ad esempio l’aluminium citrate non è efficace. L’aluminium

Commenta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Choose a Rating