Risultati Provati !! Ma quali risultati ? provati da chi ? come ?

Risultati Provati !! Ma quali risultati ? provati da chi ? come ?

Ho parlato recentemente dell’ampio utilizzo del termine TESTATO nei claims pubblicitari e del suo significato poco chiaro ed potenzialmente ingannevole .
Non potevo non notare uno spot NIVEA dove al 12simo secondo, si fa riferimento esplicitamente a RISULTATI PROVATI.

Lo spot è il tipico passaggio da 30 secondi, ripetuto frequentemente su più reti televisive in questo periodo, forse per salire sul treno dello shopping natalizio.
Mi sembra fatto molto bene e anche se la comunicazione sulle rughe che verrebbero se ridi troppo o se fai tardi alla sera mi sembra selettiva e restringe il bacino di potenziali consumatrici interessate. La grande evidenza data ai RISULTATI PROVATI mi ha spinto, non penso di essere la tipica consumatrice  ma ritengo che questa curiosità sia venuta anche ad altri, a cercare di che PROVE si parlava.
NIENTE!
Il sito italiano , Nivea Q10 , non ne parla proprio.
Anche le pagine pubblicitarie sui magazines un po’ in tutto il mondo, di questi test e risultati proprio non ne parlano.

pagine pubblicitarie NIVEA Q10


Visto che da NIVEA non è dato sapere di che test e prove si tratti, mi sono cercato altri test.
Ne ho trovati alcuni pubblicati su riviste, non solo consumeristiche, europee che non credo siano quelli a cui la pubblicità NIVEA fa riferimento.
In questo test comparativo pubblicato dalla rivista ALTROCONSUMO la crema Q10 della NIVEA non brilla particolarmente.
Non credo che questi siano i RISULTATI PROVATI di cui vantarsi.

Visto che test analoghi  sono stati pubblicati in tutto il mondo mettendo a confronto le stesse creme anti-age , non si capisce se si tratta dello stesso test o di test riprodotti in diversi paesi con gli stessi cosmetici. ( Link al test spagnolo  )

Se non ci si lascia attrarre dal sensazionalismo (” la crema che costa di meno è la migliore” )  anche le verifiche fatte dalle riviste fanno pensare a notevoli lacune metodologiche.

Che laboratorio ha condotto i test ? che protocolli ha utilizzato ? Placebo e doppio cieco ? Visto quanto è variabile l’idratazione cutanea , alimentazione e condizioni ambientali/climatiche sono state controllate per misurarla dopo 30 giorni ? ecc.

 

Il test FOITS è stato promosso per anni nei congressi di cosmetologia guarda caso  dai titolari di un laboratorio , Institute Dr. Schrader, oggi a contratto con la LIDL.

 
Sono informazioni che l’articolo di Altroconsumo non  fornisce.

Il sistema di valutazione utilizzato da l’ALTROCONSUMO o dal laboratorio che ha fornito i dati fornisce un punteggio di QUALITA’ GLOBALE molto discutibile in termini metodologici.

Tutta l’operazione, cioè la contemporanea pubblicazione di questi test sulle riviste consumeristiche di molti paesi europei fa pensare ad una abile operazione di marketing.

Le valutazioni sono  sempre “soggettive” se influenzate dai parametri e protocolli non verificabili scelti dal valutatore.

 

Concludendo:
Non basta dire TESTATO o PROVATO.

Il claim TESTATO è fuorviante anche quando i test vengono condotti da laboratori “indipendenti” se non sono espliciti i protocolli e la significatività statistica dei risultati.

Il consumatore viene rassicurato dai test , ma questi possono essere poco significativi e fuorvianti se non si comunicano chiaramente i risultati ed i protocolli.

Rodolfo Baraldini

pubblicato 16 dicembre 2014

articoli correlati:
Le creme idratanti combattono le rughe?

I 10 CLAIMS FUORVIANTI più comuni nella pubblicità cosmetica

Creme al coenzima Q10-ma quanto ce ne è?

I commenti, le testimonianze e le opinioni sono sempre graditi. I programmi anti-spam possono far si che il commento sia visibile nel blog solo dopo approvazione. Per inserire nei commenti un link, rimuovere http:// e www. I commenti con argomentazioni ad personam, promozionali o non pertinenti verranno cancellati. Non è questa la sede per supportare le proprie tifoserie, fedi o ideologie.

3 Commenti

  1. Onestamente della Nivea, in caso di pelle secca, trovo efficace la crema classica nel barattolo blu nonostante in rete fa rabbrividire perché è “petrolifera”.

    • Grazie della testimonianza,

      non mi sorprende .

      Ricordo il test comparativo tra la costosissima Creme de la Mer e la NIVEA classica, nella scatoletta blu.

      http://www.nononsensecosmethic.org/creme-de-la-mer
      Io rabbrividisco quando vedo un serpente…. ognuno ha le sue paure e fobie.

      • Guarda io mi trovo veramente bene. Costa poco e idrata veramente bene la pelle secca. Non mi stupisco che sia più efficace di creme costosissime come quella che hai citato tu.

Commenta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Choose a Rating