PUBBLICITA’ ULTRASUN

PUBBLICITA’ ULTRASUN

Paolo mi scrive:
“..recentemente mi sono battuto contro un’ azienda di origine svizzera, Ultrasun, che viene venduta sul can. 32 del digitale terrestre QVC……Grazie a te ho potuto denunciarli per pubblicità ingannevole all’ ente, saresti così gentile da approfondire la questione? Sta giocando fra le leggi italiane e quelle svizzere”?

Quando si ravvisano elementi di pubblicità ingannevole le procedure per contattare l’Autorità Garante della Concorrenza e dei Mercati AGCM  sono quelle riportate nei precedenti articoli.

Paolo mi ha riportato la corrispondenza avuta con Cecilia , la bella “portavoce Ultrasun per l’Italia ” come si definisce nella pagina facebook ( bella l’ho aggiunto io ).

Non riporto le contestazioni di Paolo e le risposte di Cecilia che Paolo mi ha riferito.Prima di tutto  per non cadere nel “relata refero”, poi perché la corrispondenza tra Paolo e Cecilia , per quanto ne so, ha  natura privata.

Il sospetto che si possa giocare tra leggi italiane e svizzere è infondato.Infatti per commercializzare un cosmetico in Italia o negli altri paesi UE  , a maggior ragione se è importato da paesi extra UE come la Svizzera, è indispensabile la preventiva , 30 gg prima, notifica al ministero della salute.

Comunque chi mette sul mercato il prodotto deve rispondere della sua conformità con norme e leggi italiane ed europee, indipendentemente dal fatto che sia stato prodotto e sviluppato al MIT o in La-La-land.

Con l’ entrata in vigore del regolamento europeo, questa procedura viene per certi aspetti semplificata, infatti diventa sufficiente la registrazione e la comunicazione ai centri anti veleni di un solo paese UE, mentre finora era necessario ripetere la registrazione in ogni paese UE dove si importava il cosmetico.

Questa semplificazione non comporta una riduzione del livello di sorveglianza che l’Unione Europea applicherà sui cosmetici messi sul mercato.

Al contrario la registrazione unica e centralizzata di ogni cosmetico messo sul mercato UE  impone a paesi , in passato relativamente meno vigili e attenti , come l’Italia, di alzare livello e qualità dei controlli .

E’ invece fondato il fatto che nella comunicazione commerciale si giochi sul MADE IN SWISSE.
Il tema del country of origin è molto forte e si cerca di indurre un valore implicito nel prodotto , semplicemente perché proviene da un determinato paese.
Funziona anche quando proviamo a esportare il MADE IN ITALY nel fashion, food e altri settori .
Ne ho parlato qui: MADE IN LA-LA LAND http://www.nononsensecosmethic.org/?p=41841

Visitando il sito della QVC non ho trovato molti degli elementi di comunicazione criticati da Paolo e temo che in alcune delle sue  contestazioni possano esserci incongruenze o inesattezze.

Quando si intende procedere alla segnalazione alla AGCM di messaggi pubblicitari  che si ritiene ingannevoli o all’interno di pratiche commerciali scorrette, è estremamente utile “memorizzare” il materiale che si intende contestare e come suggerisce la stessa AGCM riportare i link esatti al sito, in modo che si possa facilmente verificare quanto contestato.

Io , ad esempio, sarà la fretta, sarà il rincitrullimento senile, non ho trovato nel sito QVC http://www.qvc.it/marchi/bellezza/ultrasun.html i principali argomenti di contestazione segnalati da Paolo.

Il contestato claim ” – senza grassi, profumo, emulsionanti o conservanti ” l’ho trovato solo nel prodotto:
Ultrasun SPF 50 Ultra Sensitive Kit alta protezione da 100ml dove guarda caso non compaiono gli ingredienti, pertanto anche se il claim fosse discutibile o sospetto, io non trovo evidenti elementi per contestarlo. Quando ho cliccato su “info sulla marca” ho notato qualcosa che davvero non mi torna.

Dal sito QVC

“”..Ultrasun SPF 50 Ultra Sensitive Kit alta protezione da 100ml

Dedicato alle pelli più sensibili, il kit Ultrasun ad alta protezione solare unisce due flaconi di crema protettiva Ultrasun a fattore di protezione 50+. Per godersi pienamente le vacanze e il piacere del sole che accarezza la pelle, grazie all’efficacia prolungata.

Dedicato alle pelli più sensibili, il kit Ultrasun ad alta protezione solare unisce due flaconi di crema protettiva Ultrasun a fattore di protezione 50+. Per godersi pienamente le vacanze e il piacere del sole che accarezza la pelle, grazie all’efficacia prolungata.Contiene - 2 x SPF 50 Ultra Sensitive protezione solare (100ml)- con provitamina B5 - non appiccica e non unge - lunga durata - ideale per pelli sensibili - senza grassi, profumo, emulsionanti o conservanti - filtri chimici e minerali, con sistema di filtro ad ampio spettro Tinosorb S ..”"

—————————–

“”Info sulla marca

Ultrasun è un marchio svizzero che unisce tecnologia e affidabilità, per creare prodotti che offrano un’elevata protezione, studiati per rispondere a tutta la gamma di esigenze legate all’esposizione prolungata al sole. Facili da usare e da applicare, tutte le sue formule sono resistenti all\’acqua, al sudore e agli attriti e richiedono una sola applicazione durante il giorno per proteggere ogni tipo di pelle dai raggi UVA e UVB.“”

Incuriosito mi sono andato a cercare i siti della casa madre con la pubblicità in inglese, dove effettivamente ho trovato molte cose che non condivido nonostante alcune precisazioni ed eccezioni: http://www.ultrasun.ch/en/ultrasun-products/about-ultrasun-products
“…Ultrasun products are free of fats, emulsifiers (except high 50SPF reflex kids’ formula), fragrance (except aftersun) and with little or no preservatives,…”

Dal sito www.ultrasun.ch

 

high 30SPF sports clear spray formula

non-greasy, easy to apply clear formula which immediately penetrates the skin, even when moist.

Ultrasun high 30SPF sports clear spray formula features a new-generation texture and is very specifically adapted to men’s habits: it is clear, does not stick even to hairy skin, is not greasy and is waterproof and resistant to rubbing. This new sunscreen contains no fat, emulsifiers, fragrances, colouring agents or preservatives. It only needs to be applied once and offers complete protection due to its UVA and UVB filters with broadband spectrum filters. It also contains the antioxidant vitamin E. The practical spray can be opened and used with one hand, even with the nozzle facing downwards.

Available in 150 ml spray.

INGREDIENTS: ALCOHOL, DIETHYLHEXYL ADIPATE, OCTOCRYLENE, DICAPRYLYL CARBONATE, BUTYL METHOXYDIBENZOYLMETHANE, CYCLOPENTASILOXANE, AQUA (WATER), BIS-ETHYLHEXYLOXYPHENOL METHOXYPHENYL TRIAZINE, DIBUTYL ADIPATE, DIETHYLHEXYL BUTAMIDO TRIAZONE, CYCLOHEXASILOXANE, PROPYLENE GLYCOL DIBENZOATE, 2,6-DIMETHYL-7-OCTEN-2-OL, TOCOPHEROL, TOCOPHERYL ACETATE, POLYESTER-10.

 

  • clear spray formula
  • extremely resistant to water, perspiration and friction
  • new-generation texture
  • no fat, no emulsifier, no fragrance, no colouring agents, no preservatives
  • chemical filter

 

 

high 30SPF face anti-ageing formula

for all people with sensitive skin

Everybody gets older – but nobody wants it to show! First signs of skin ageing appear in the face, on the décolleté and on the hands. ultrasun high 30SPF face is a special Liposome Formula with Ectoin and SOD to protect against UV induced skin-ageing. high 30SPF face – the Revolution of Anti-Aging formulation – with active cell protection, without emulsifiers, perfume or fat. Protects and moisturises the skin and can be used as daily moisturiser.

  • contains Ectoin = active DNA-protection and active cell protection
  • contains SOD = Enzyme, which effectively neutralises the free radicals
  • contains Boron Nitride (the Science of Softness), reduces fine lines
  • reduces the loss of the skin’s moisture content
  • is resistant to water, perspiration and friction
  • free from perfume, emulsifier, preservatives, non-greasy
  • perfect for the face, décolleté and hands

Sun protection and daily moisturizer in a single product!

Available in 50ml airless dispenser

  • with Ectoin: anti-ageing agent
  • resistance to water, perspiration and friction
  • no fat, no emulsifier, no fragrance, no preservatives
  • for the face, décolleté and hands
  • with SOD = a free radical scavenger, cares and protects the skin actively
  • chemical + physical filter

INGREDIENTS: AQUA, ALCOHOL, PROPYLENE GLYCOL, LECITHIN, ETHYLHEXYL METHOXYCINNAMATE, BUTYL METHOXYDIBENZOYLMETHANE, METHYLENE BIS-BENZOTRIAZOLYL TETRAMETHYLBUTYLPHENOL (NANO), TITANIUM DIOXIDE (NANO), SODIUM ACRYLATES COPOLYMER, BORON NITRIDE, PENTYLENE GLYCOL, ECTOIN, LACTOPEROXIDASE, SUPEROXIDE DISMUTASE, TOCOPHERYL ACETATE, ALUMINUM HYDROXIDE, DECYL GLUCOSIDE, GLYCERIN, PARAFFINUM LIQUIDUM, PPG-1 TRIDECETH-6, STEARIC ACID, XANTHAN GUM, DISODIUM EDTA

NEW ! high 50SPF reflex kids formula ideal for toddlers, children and extreme sensitive skin types Even the skin of the smallest of small children is highly sensitive and needs very special protection. This is because it is much thinner than adult skin, since the protective role of the upper layer of skin is not yet fully developed and can therefore allow UV rays to penetrate. Ultrasun’s High 50SPF reflex kids‘ formula for children contains a highly effective UVA and UVB sun protection filter system based on 100% mineral filters and therefore contains no chemical sun protection filters.Mineral pigments ensure that delicate children’s skin is free from exposure to chemicals, meaning that the sunscreen is therefore very compatible. To avoid allergic reactions as much as possible, no preservatives or fragrances are used and no mineral oils are added.The smooth texture of the cream is extremely waterproof, non-greasy and penetrates the skin quickly and contains additional DNA protection against UV-induced skin ageing so prevention process starts at a very young age.Skin tolerance dermatologically confirmed by skin experts and paediatricians.

Available in 100ml airless dispenser
  • 100% mineral-based sun protection with no chemical filters
  • Extra water-resistant and non-greasy
  • Fragrance, mineral-oil and preservative-free (without parabens)
  • Immediate protection after application
  • Additional DNA protection against UV-induced skin ageing

INGREDIENTS: AQUA, ZINC OXIDE (NANO), CETEARYL ISONONANOATE, CAPRYLIC/CAPRIC TRIGLYCERIDE, BUTYLENE GLYCOL, TITANIUM DIOXIDE (NANO), GLYCERIN, POLYGLYCERYL-2 DIPOLYHYDROXYSTEARATE, SIMMONDSIA CHINENSIS SEED OIL, BUTYROSPERMUM PARKII BUTTER, GLYCERYL OLEATE, TOCOPHERYL ACETATE, CERA ALBA, MAGNESIUM SULFATE, PANTHENOL, ROSMARINUS OFFICINALIS EXTRACT, ALUMINUM HYDROXIDE, DISODIUM URIDINE PHOSPHATE, ETHYL FERULATE, ETHYLHEXYLGLYCERIN, HELIANTHUS ANNUUS SEED OIL, POLYGLYCERYL-5 TRIOLEATE, STEARIC ACID.

http://www.ultrasun.ch/files/20121207_pm_ultrasun_face50plus_en.pdf

Concludendo:

dagli inci ho ricavato l’impressione di cosmetici solari, concepiti e formulati molto bene, con soluzioni innovative, adatti al mass-market con un posizionamento premium.

  1. Non approvo e non condivido tutte le comunicazioni commerciali che intendono valorizzare un cosmetico con il claim SENZA- FREE a maggior ragione se non si spiega al consumatore perché quel SENZA sarebbe un valore o un pregio di cui vantarsi. Ad esempio dire ad un consumatore, senza conservanti sottointendendo che  i conservanti possono fare male , ma senza fornire dati ed informazioni per cui i conservanti farebbero male, evoca una qualità inesistente ed induce un improprio detrimento nei prodotti che invece i conservanti li utilizzano. Argomento ampiamente discusso qui: http://www.nononsensecosmethic.org/?p=40116
  2. Non condivido affatto che si definiscano senza grassi ( No Fat ) cosmetici che contengono STEARIC ACID  ( per definizione un FREE FATTY ACID )  e qualunque altro ingrediente composto prevalentemente da trigliceridi, digliceridi e monogliceridi di acidi grassi .Nelle liste ingredienti pubblicate nella pubblicità ULTRASUN ne ho trovati molti  . Presumo che ufficio marketing e legale della Ultrasun abbiano valutato l’ambiguità del claim ed i possibili distinguo nelle definizioni di lipidi, grassi e oli. Ma personalmente mi immagino che il consumatore intenda e recepisca che NO FAT  non significa solo “senza lardo”. 
  3. Non condivido affatto affermazioni come “ richiedono una sola applicazione durante il giorno per proteggere ogni tipo di pelle dai raggi UVA e UVB” ( nel sito in inglese :” It only needs to be applied once and offers complete protection due to its UVA and UVB filters with broadband spectrum filters.”).  Tra l’altro questa affermazione non considera una raccomandazione esplicita della commissione europea

    COMMISSION RECOMMENDATION of 22 September 2009 on the efficacy of sunscreen products and the claims made relating thereto  ) che recita: .5. No claim should be made that implies the following characteristics: (a) 100 % protection from UV radiation (such as  (sunblock, sunblockeror total protection); (b) no need to re-apply the product under any circumstances (such as all day prevention).

  4. Non approvo e non condivido claims come No Preservatives , senza conservanti, quando nelle liste ingredienti pubblicate si trovano in posizioni che fanno pensare ad alte concentrazioni, ingredienti come l’ ALCOHOL. L’ alcohol è classificato nell’inventario cosmetico europeo  con funzioni anche ANTIMICROBICHE e svolge una azione conservante di fatto. Eventuali formulazioni autoconservanti  o con conservanti alternativi per me dovrebbero essere pubblicizzate come “senza ingredienti classificati come conservanti dalla normativa europea ” e poi dovrebbero spiegare perché mai questo sarebbe un pregio.

  5. Non approvo e non condivido claims come No Emulsifiers , senza emulsionanti, quando nelle liste ingredienti pubblicate si trovano ingredienti come LECITHIN, DECYL GLUCOSIDE,  PPG-1 TRIDECETH-6 e altri classificati nell’inventario cosmetico europeo come ingredienti con funzione EMULSIFYING , EMULSION STABILISING , SURFACTANT (quindi con funzione emulsionante ).
    Comunque dovrebbero spiegare perché questo sarebbe un pregio, chiarendo cosa sottointendono quando vantano l’assenza di emulsionanti.

  6. Non approvo e non condivido il pittogramma-icona  ,  nel sito internazionale della Ultrasun , che definisce alcuni prodotti come “per allergici”. Possiamo ridurre il rischio allergie in termini probabilistici, ma non possiamo consigliare a un allergico di prendere un prodotto a cui magari è allergico.

  7. Qualcosa non mi torna nel prodotto baby, ma sono considerazioni riservate a menti cosmeticamente disturbate.

 I prodotti sembrano veramente ben formulati. I miei sono per lo più appunti alla forma ed alla comunicazione. Vista la fama di precisione che hanno gli svizzeri non potevo esimermi dal farli notare.

Rodolfo Baraldini

pubblicato il 6 Luglio 2013

(12790)

I commenti, le testimonianze e le opinioni sono sempre graditi. I programmi anti-spam possono far si che il commento sia visibile nel blog solo dopo approvazione. Per inserire nei commenti un link, rimuovere http:// e www. I commenti con argomentazioni ad personam, promozionali o non pertinenti verranno cancellati. Non è questa la sede per supportare le proprie tifoserie, fedi o ideologie.

11 Commenti

  1. Ciao, Rodolfo.

    Sei una fonte preziosa (e divertente) di informazioni cosmetiche anche per chi, come me, ha sì la mente disturbata ma, ahimé, non cosmeticamente….
    Nel merito, ho provato la protezione baby e, nonostante il ripetuto e vigoroso scuotimento, dal flacone non esce un prodotto ben emulsionato ma qualcosa che prelude a uno scomodo e gocciolante faidatesulpalmodellamano. Sarà il caso di continuare a usarlo?

    Grazie

  2. Io ho provato questi solari ….il dopo sole non mi piace perché ha l’alcool.
    Li ho provati tre anni fa, ora non so se li hanno cambiati.
    Non mi sono scottata ed altro. Non sono niente di eccezionale, macchiano i vestiti di bianco e il costume.
    I miei tre, non avevano profumo in effetti….

    • L’alcohol viene oggi utilizzato molto più che in passato.
      Nelle formulazioni eco-bio , specialmente tedesche, è molto comune visto che è un discreto co-conservante .
      Nei solari ha una funzionalità specifica che può agevolare la distribuzione sulla pelle dei filtri. è comunque un ingrediente “difficile” da formulare e di cui molti formulatori stanno cercando di limitare l’utilizzo.

      • Si…ha perfettamente ragione, ma io uso quasi tutto eco bío.
        Solo che le ditte tedesche e la mia pelle non vanno d’accordo..
        Ad es la Weleda Baby alla calendula, mi dà fastidio e mi prude il corpo dopo l’uso.
        Le sue creme per neonati, mi seccano e ho trovato dei prodotti che odoravano di rancido all’apertura…
        Al sole, i solari con l’alchol mi bruciano….

  3. Quello che a me non torna nella pubblicità di ultrasun su qvc è che spesso dicono che ne basta poco, quando lei mi insegna che bisognerebbe applicare una dose di 2mg/cm2 di crema solare per avere la protezione SPF dichiarata.

    • ogni claim che suggerisce di utilizzare poco prodotto solare ( poco poi rispetto a cosa, non si sa ) o che suggerisca che è sufficiente applicarlo solo una volta va contro le raccomandazioni europee e mi domando se non sia anche sanzionabile.

  4. il 2,6-DIMETHYL-7-OCTEN-2-OL è classificato nell’inventario europeo come ingrediente con funzione PROFUMANTE, dichiarare che un cosmetico che lo contiene è “senza profumi” o “no fragrances” è una evidente furbettata. Grazie per la segnalazione, non ci avevo fatto caso….

  5. ma i filtri chimici nano non dovrebbero per lo meno essere coated? il tinosorb puo essere solo nano credo dall’articolo sui solari che ha scritto in precedenza ma può essere incapsulato? come si fa a riconoscere quando sono incapsulati? Grazie

    • I filtri metallici nano è preferibile che siano coated, infatti i rischi di reazioni photocatalitiche sono proporzionati non solo alle dimensioni ma anche alla irregolarità delle superfici. Una particella come il bellissimo riccio ( puntaspilli ) di ZnO che ho pubblicato ha in ogni punta una specie di antenna che trasmette energia ad eventuali reazioni chimiche. Il coating riduce queste “antenne” ed aggiunge un possibile effetto thin film multilayer , cioè aumenta la riflessione visto che il fotone deve attraversare più strati a diversa velocità.
      In realtà , alcuni test hanno dimostrato che non sempre e non tutti i rivestimenti-coating riducono la photoreattività dei filtri metallici.
      Uno dei coating che risulta più efficace è con l’alluminio, in genere l’idrossido, che può agire anche come dopante.
      Negli inci dei prodotti ultrasun sono presenti sia Stearic Acid che Aluminium Hydroxyde , probabili rivestimenti-coating dei filtri metallici.
      I filtri insolubili, non metallici, i vari tinosorb per intenderci , al momento non richiedono rivestimenti-coating visto che le probabilità di reazioni photocatalitiche sono molto inferiori così come quelle di legami coordinati.

      • Grazie della risposta. Ma i filtri insolubili tipo il tinosorb se nano comunque penetrano nella pelle quindi rimane quel rischio lì. Mi sbaglio?

      • I filtri insolubili, non metallici, possono penetrare la pelle , come quelli metallici se sono di dimensioni nano, per questo la recente norma chiede di dichiararli nella lista ingredienti …. ma praticamente qualunque molecola in soluzione ha dimensioni nano (<10 nm ) quindi può penetrare … il rischio non sta nel fatto che possano penetrare, ma nel fatto che una volta penetrate possano interagire con reazioni fotocatalitiche o fotoreattive nocive per i tessuti. I filtri insolubili non metallici, per quanto se ne sa, hanno una probabilità di reazioni photocatalitiche molto inferiore di quella dei filtri metallici .

Commenta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Choose a Rating