PASTA OPACA di FondoNatura

Criteri di valutazione
Valutazione:

presentato da Francesco Manzari

Fondonatura – Pasta Opaca

http://www.fondonatura.it/inde…

Corpo e tenuta ad effetto opaco su qualsiasi capello.

Inci: Petrolatum, Kaolin, Talc, Glyceryl stearate SE, Cetearyl alcohol, Triisostearin, Aqua, Stearic acid, Cera alba, Propylene glycol, Palmitic acid, Behentrimonium Chloride, Ceteareth-30, Glycereth-2 cocoate, Methylchloroisothiazolinone, Methylisothiazolinone, Parfum, Citronellol, Limonene, hexyl cinnamal, Linalool.

Voglio sottoporre alla sua attenzione questa cera, l’ultima della suddetta marca che possiedo. Questa cera la usavo tempo fa, poi l’ho abbandonata. A suo tempo fungeva molto bene, effetto opaco, definizione del capello, il giorno dopo l’utilizzo sembrava sparire. É un composto di colore marroncino chiaro, molto duro di inverno, più morbido d’estate. Anche qui troviamo i conservanti della famiglia dei thiazolinone e anche qui non sono indicati i sali stabilizzanti. Tempo fa decisi di “riprodurre questa cera” semplicemente con olio di cocco, burro di karitè e caolino scaldati a bagno maria. Ho ottenuto il medesimo effetto sui capelli. Solo la texture lasciava un po’ a desiderare, un poco brutta da prendere dal vasetto ma sicuramente con un impatto ambientale minore. Penso che l’argilla bianca funga da modificatore reologico, il talco penso asciughi, per il resto lascio la parola a lei. Non capisco perché abbiano fatto un prodotto così complesso quando ho ottenuto la medesima funzione con meno sforzi. La ringrazio anticipatamente per la risposta. -

I commenti, le testimonianze e le opinioni sono sempre graditi. I programmi anti-spam possono far si che il commento sia visibile nel blog solo dopo approvazione. Per inserire nei commenti un link, rimuovere http:// e www. I commenti con argomentazioni ad personam, promozionali o non pertinenti verranno cancellati. Non è questa la sede per supportare le proprie tifoserie, fedi o ideologie.

4 Commenti

  1. Salve tra questa pasta e la Revlon Professional Style Masters Creator Matt Clay (inci: Petrolatum, Cera Alba (Beeswax), Diethylhexyl Maleate, Magnesium Aluminum Silicate, Silica, PEG-13 Sunflower Glycerides, Diatomaceous Earth, Propylene Glycol, Isoceteth-20, CI 77891 (Titanium Dioxide), Maleic acid, Parfum (Fragrance), Linalool, Geraniol, Butylphenyl Methylpropional, Alpha Isomethyl Ionone, Methylparaben) quale mi consigliereste?

    • non credo sia utile dare consigli, al massimo il blog può essere utilizzato per scambiarsi informazioni. Non è possibile dalla lista ingredienti valutare l’effetto opacizzante, dal tipo di polveri utilizzate mi immagino un maggior scattering, un effetto opaco “luminoso” che nella formulazione fondonatura forse non si otteneva.. La formula Revlon, per l’assenza di thiazolinoni., sembra più conforme agli attuali standard.

  2. Il capello rimane perfettamente opaco, come se non ci fosse niente su, in pratica il Glycery Stearate SE permette al prodotto di essere asportato più facilmente con il lavaggio, giusto?

    La ringrazio per le informazioni, quelli della fondonatura erano due prodotti di cui volevo capire a fondo la formulazione.

  3. onestamente non riesco a valutare l’effetto di paste del genere dal punto di vista ottico su capelli neri. Le cere e polveri mescolate in pasta potrebbero lasciare sul capello una patina che rifrange la luce “sbiancando” la luce riflessa.
    Il colore marroncino chiaro fa pensare a materie prime , soprattutto il kaolino, non purissime. Il colloide/emulsione tra acqua lipidi e polveri è molto stabile ed il Glyceryl Stearate SE sembra essere più funzionale alla bagnabilità e lavabilità del prodotto durante e dopo l’applicazione che per emulsionare. Un espediente che sfrutterei anche in sistemi autoprodotti casalinghi.

Commenta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Choose a Rating