Non lavatevi ! ovvero qualche considerazione sui protocolli skin care che non funzionano

Non lavatevi ! ovvero qualche considerazione sui protocolli skin care che non funzionano

La domanda originaria, da consumatore è stata : ma se applico un cosmetico e dopo pochi minuti o ore mi lavo, che probabilità c’è che i costosissimi attivi cosmetici che ho applicato penetrino ed arrivino dove serve? Poi alcune formulatrici sono entrate più nello specifico con:”come e quanto, formulando con carrier e solventi, possiamo agevolare la penetrazione degli attivi cosmetici”.
- Penetrazione o Assorbimento
- Il tempo: premessa intellettualoide
- Il flusso
- La pelle, le sue strade, circolazione e traffico
- Non lavateli

Penetrazione o Assorbimento

Premesso che nella disinformazione comune della pubblicità e di tante blogger cosmetiche si parla di cosmetici che si assorbono rapidamente quando in realtà evaporano, chi studia la faccenda, soprattutto con approccio farmacologico, con penetrazione ed assorbimento in genere parla di fenomeni diversi. La penetrazione transcutanea è il passaggio delle sostanze attraverso la cute, l’assorbimento si ha invece quando le sostanze entrano nel circuito sanguigno. Gli attivi possono essere attivi cosmetici, cioè esplicare una loro funzione, sia non penetrando per nulla, sia penetrando ed interagendo con il solo metabolismo della cute, sia penetrando ed arrivando ad un assorbimento sistemico. Circola la strana storia che gli attivi cosmetici, per il loro essere cosmetici e nonfarmaci, non debbano penetrare per nulla e non possano essere assorbiti; tra le tante baggianate c’è anche chi dice che questo è definito per legge. Ovviamente non è vero e nessuna legge può imporre un semaforino nel traffico transcutaneo che decide di far passare le sostanze con la targa farmaceutica e fermare quelle (magari le stesse) con la targa cosmetica.

Il tempo

{PREMESSA INTELLETTUALOIDE}
In una società malata di cronofagia è difficile far capire che un attivo cosmetico può effettivamente attraversare la barriera cutanea ma impiegherebbe 700 ore e ne penetrerebbe l’1‰ di quanto applicato sulla superficie. Si ragiona sempre semplicisticamente in termini di penetra o non penetra, senza considerare quanto ne penetra a parità di superficie cutanea ed in quanto tempo. Forse perché non abbiamo un senso preposto alla percezione del tempo spesso pensiamo alla realtà come ad un concatenarsi di fenomeni, tutto e subito. Al contrario gli eventi si spalmano sull’asse dei tempi fino al loro orizzonte.
{FINE DELLA PREMESSA INTELLETTUALOIDE}.
Ammesso che un qualche attivo skin care faccia qualcosa, si deve considerare il tempo necessario per raggiungere i tessuti bersaglio e per agire.
Senza particolari accorgimenti dove con carrier e solventi si aumenta la permeabilità cutanea in genere sono necessarie molte ore perché un attivo, per quanto con caratteristiche chimico fisiche idonee, sia assorbito.

Il Flusso

A chi mi dice, con certezza, che una sostanza non penetra la pelle, in genere rispondo:”riparliamone tra 500 anni”. Si può considerare vero che la pelle non lascia passare quasi nulla ma si devono considerare anche i tempi in cui si valuta la permeazione cutanea.
La grandezza fisica con cui misurare la penetrazione transcutanea è il flusso, cioè la misura della quantità che passa nel tempo su una determinata area. La penetrazione transcutanea poi non è automaticamente un indicatore di assorbimento. Una volta penetrate le sostanze non vanno tutte e subito a finire nel sangue, anche se tutti gli studi farmacologici e tossicologici in genere mirano a calcolare questo dato, nella cosmetologia si devono considerare anche le azioni ed interferenze con il metabolismo, proliferazione e differenziazione cellulare in loco, cioè delle cellule che compongono la pelle. Cellule che possono essere “raggiunte” anche senza passare per il circuito sanguigno.
La barriera principale la svolge lo strato corneo e tutti i tessuti sottostanti possono essere considerati tessuti bersaglio dell’azione cosmetologica.
Il flusso e la diffusione attraverso lo strato corneo sono determinanti per eventuali effetti e funzioni della maggioranza degli attivi skin care.

La pelle e le sue strade, circolazione e traffico

La pelle è una ottima barriera che agisce selettivamente. Permette all’acqua di uscire, ma solo un po’ alla volta altrimenti ci disidrateremmo trasformandoci in fichi secchi stando al sole. Nella direzione opposta, dall’esterno verso l’interno, è permeabile ai gas ed ai liquidi, ma anche in questo caso è molto selettiva e lascia penetrare solo sostanze con precise caratteristiche chimico fisiche ed in quantità ridotte e tempi relativamente lunghi.
La prova che la barriera cutanea funziona egregiamente sta nella sopravvivenza e proliferazione della nostra specie. Con tutte le sostanze tossiche e patogeni con cui potremmo venire a contatto casualmente se la pelle non li ” tenesse fuori”, saremmo spacciati.

Penetrazione intercellulare e intracellulare

I percorsi attraverso cui si teorizza che le sostanze possano entrare attraversando la cute e soprattutto lo strato corneo sono semplificando 3:

  • intercellulare,
  • intracellulare o transcellulare,
  • follicolare.

Come percorso follicolare si considera quello attraverso i follicoli pilosebacei anche se pure i dotti sudoriferi rappresentano un via agevolata di penetrazione transcutanea. La superficie cutanea rappresentata da pori e follicoli è meno dell’1% pertanto le quantità di prodotto che potrebbero penetrare sono comunque minime rispetto a quelle che possono penetrare per altre vie. L’epitelio, le pareti, dei dotti e follicoli sono però più sottili e permeabili, quindi le sostanze che ci finiscono dentro hanno una maggiore probabilità di penetrare, inoltre si trovano già a livelli inferiori della cute, più vicine al letto capillare dove, una volta superato l’epitelio vasale, possono entrare nel circolo del sangue. L’utilizzo in crescita del needling imporrebbe la scrittura di un nuovo capitolo sulla faccenda.
Nel percorso intracellulare/transcellulare si ipotizza che la sostanza penetri lo strato corneo attraversando i corneociti che lo compongono. La sostanza semplificando molto ha la capacità di permeare le barriere cellulari e si ipotizza che entri nella cellula e ne esca attraversando più strati sovrapposti di cellule.
Quello intercellulare, il più comune, ipotizza la diffusione negli interstizi tra le cellule, in funzione della permeabilità dei lipidi che fungono da cemento e tengono legati tra loro i corneociti. Le sostanze penetrerebbero aggirando i corneociti.
Il motore che “spinge” le sostanze dall’esterno all’interno della pelle è la diffusione passiva, cioè lo stesso complesso di forze attrattive e repulsive che fanno si che se metto una goccia di inchiostro in un bicchiere d’acqua, questa si disperde fino a risultare invisibile.
La diffusione in un mezzo ha le sue regole ed i suoi tempi. Se mettiamo una goccia di olio in un bicchiere d’acqua questa non si disperde affatto, l’olio è insolubile in acqua, ma anche se mettiamo un goccia di miele (viscoso) questa non si disperde se non mescoliamo bene ed a lungo, nonostante il miele sia solubile in acqua.
Si oppongono alla penetrazione ed assorbimento delle sostanze applicate sulla pelle:

  • l’evaporazione,
  • il lavaggio,
  • l’abrasione,
  • il sudare,
  • la desquazione,
  • il desorbimento.

Quindi se da una parte per diffusione alcune sostanze possono penetrare fino ad arrivare all’assorbimento, dall’altra vari processi competitivi possono ridurne significativamente la quantità che raggiunge i tessuti bersaglio.

Non lavateli

Uno dei nonsensi che ho riscontrato, anche in sofisticati protocolli cosmetici professionali, è quello di non considerare i tempi necessari a far si che un qualche attivo cosmetico agisca.
In pratica, quando vedo l’applicazione di tonici, maschere o creme seguita dopo pochi minuti o secondi da una bella risciacquata o lavaggio mi viene da pensare si idraterà o tonificherà il tubo di scarico del lavandino, a cui certamente poi non verranno le rughe.
Ci si applica un cosmetico skin care con qualche aspettativa che faccia qualcosa e poi lo si rimuove prima che possa anche solo penetrare la superficie più esterna dello strato corneo.
Il flusso transcutaneo di un qualche attivo cosmetico con peso molecolare minore di 500 Dalton è dell’ordine di Q.10⁻³.cm⁻².h⁻¹ essendo Q la quantità applicata. Questo significa che normalmente applicando microgrammi cm⁻² di attivi cosmetici ci vuole almeno un ora perché qualche nanogrammo cm⁻² raggiunga i tessuti bersaglio. E parliamo di attivi con caratteristiche chimico-fisiche che comportano una qualche capacità di penetrare la barriera dello strato corneo.
Lavandosi 15 minuti dopo l’applicazione di un cosmetico si deve considerare che, nella maggioranza dei casi, almeno il 70/80% dell’attivo applicato se ne va nel tubo di scarico. Già è abbastanza difficile trovare nei cosmetici concentrazioni abbastanza alte di attivi, se poi se ne “butta via” la maggioranza, difficile attendersi una qualche efficacia.
Concludendo gli attivi cosmetici contenuti in tonici, maschere e creme skincare che vengono lavate dopo pochi minuti dall’applicazione vanno a finire nello scarico del lavandino e la eventuale azione cosmetica, se c’è, dipende da altri fattori.
Nei protocolli skin care, a parte quelli con forti agenti esfolianti, è in genere preferibile lasciar “lavorare” il prodotto sulla pelle più a lungo possibile.

Rodolfo Baraldini

Articoli correlati:
Che cosmetici penetrano la pelle?
LA BUFALA: le creme che si assorbono rapidamente.
Che formulazioni fanno penetrare meglio gli attivi?

I commenti, le testimonianze e le opinioni sono sempre graditi. I programmi anti-spam possono far si che il commento sia visibile nel blog solo dopo approvazione. Per inserire nei commenti un link, rimuovere http:// e www. I commenti con argomentazioni ad personam, promozionali o non pertinenti verranno cancellati. Non è questa la sede per supportare le proprie tifoserie, fedi o ideologie.

4 Commenti

  1. @ Vale , puoi postare tranquillamente l’inci, nel nuovo sito che sto costruendo l’accesso alle pagine ingredienti e prodotti sarà libero , come su Wikipedia, in modo che chiunque possa postare i nuovi INCI. In genere una struttura liposomiale serve a far penetrare l’attivo contenuto nel liposoma, servono a questo, non qualcosa che viene applicato non si sa bene quanto tempo dopo. Per aumentare la penetrazione di qualcosa che viene applicato dopo si possono sfruttare sostanze che perturbano la barriera lipidica della pelle: come alcuni solventi. Ne ho parlato qui http://www.nononsensecosmethic.org/che-formulazioni-fanno-penetrare-meglio-gli-attivi-2%c2%aa-parte-i-permeanti-cutanei/

  2. Domanda: ma le maschere a risciacquo? Quelle che si solidificano, per capirci. Ovviamente non possono essere lasciate sul viso per più di una decina di minuti, pena l’essere ingabbiati in un blocco di marmo per sempre. Questo implica che le maschere, in sé, sono inefficaci per definizione?

    • si deve chiaramente definire cosa si intende per maschera, in genere un cosmetico skin care che non diventa trasparente nella applicazione sulla pelle: va da un prodotto cremoso lasciato in posa a impiastri o fanghi o maschere gessose che plastificano o solidificano.
      In ogni caso il tipo di formulazione ed applicazione non è fatta per far penetrare eventuali attivi. Prima di tutto per la viscosità del prodotto. Più si solidificano, meno rilasciano. Inoltre sono prodotti che devono essere rimossi, quindi , anche se ci fossero nella formulazione attivi con un potenziale per penetrare la pelle, non resterebbero sulla pelle abbastanza tempo per attraversare lo strato corneo. Quindi l’azione occlusiva,bagnante o assorbente, e meccanica il più delle volte è quella che produce un qualche effetto. Diverso il discorso per le maschere, in genere cremose, che vengono lasciate in posa per tempi lunghi.
      Ci sono maschere da rimuovere che mi piacciono molto, quelle peel off di cui penso di parlare presto più approfonditamente .

      • Sempre chiarissimo, grazie.
        Posso rompere con un’altra curiosità? Sono stata in una farmacia con laboratorio galenico consigliatami da un dermatologo. Ho acquistato varie creme formulate da loro (e devo dire che la situazione è piuttosto vantaggiosa: più % di attivi e prezzi assai più contenuti delle blasonate creme di cui si vede la pubblicità in TV) e mi hanno consigliato di comprare anche uno spray “liposomiale”. Mi hanno detto che questo spray, usato prima di creme e sieri, favorisce la penetrazione degli attivi applicati poi.
        Detto che, se occorre, posso postare l’INCI relativo, ma secondo lei, questo spray può servire sul serio?
        Grazie

Commenta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Choose a Rating