MYTH BUSTER: MELALEUCA ALTERNIFOLIA, TEA TREE OIL

MYTH BUSTER: MELALEUCA ALTERNIFOLIA, TEA TREE OIL

 

Nicoleta mi chiedeva una opinione sul TEA TREE OIL ( in breve TTO ). Alcuni mi segnalano che pare sia diventato un rimedio naturale molto diffuso ed utilizzato con leggerezza.

Nel INCI è denominato: Melaleuca alternifolia Leaf Oil ma potrebbe senza sostanziali differenze provenire anche da Melaleuca linariifolia e Melaleuca dissitiflora .

Questo olio essenziale è stato al centro di una lunga controversia, dove in modo evidente sono emersi gli interessi economici dei produttori australiani in contrapposizione con le agenzie regolatorie e gli organi preposti alla salute dei consumatori europei ed americani.

Il mondo scientifico è stato coinvolto e decine di ricerche e studi sono stati pubblicati .

Un interessante riassunto di queste ricerche “TEA TREE OIL PANACEA O PLACEBO?” Evidenzia una serie di ragionevoli dubbi sulla efficacia di questi oli e sulla moda di considerarlo una panacea per i più svariati disturbi.

Senza entrare nel labirintico discorso della sua efficacia terapeutica, il suo utilizzo cosmetico è stato oggetto di infinite discussioni da quando il Consiglio d’Europa nel 2001 descrisse alcune delle problematiche per la sicurezza degli estratti vegetali nei cosmetici. Il Comitato Scientifico SCCP nel 2004 (sccp opinion tea tree, 2004) valutò sostanzialmente non sicuro il suo utilizzo non diluito nel cosmetico . Si pensò anche di bandirlo o di imporre restrizioni al suo utilizzo cosmetico.

La associazione delle industrie cosmetiche europee Colipa ( oggi Cosmetic Europe ) consigliò di limitarne l’utilizzo cosmetico a concentrazioni inferiori al 1%.

Le industrie australiane del tee tree allora prepararono un dossier (Sicurezza ed Efficacia del TTO) con maggiori dati su efficacia e sicurezza ma una nuova opinione del SCCP nel 2008 (sccp opinion tea tree, 2008.) non ha sbrogliato la faccenda, confermando i rischi di irritazione, allergie, instabilità connessi con l’utilizzo cosmetico di questo olio e concludendo che i dati forniti per definire la sicurezza , in particolare quelli relativi all’assorbimento sistemico , non erano sufficienti.

La cultura/moda del rimedio naturale ha fatto crescere l’utilizzo di questo olio per gli usi più disparati nonostante manchino chiare evidenze cliniche sulla sua efficacia.

L’olio di melaleuca non è stato registrato come farmaco, quindi pur essendo descritto nella farmacopea di molti paesi mancano gli studi su efficacia e reazioni avverse nei suoi diversi utilizzi. La Svezia ha inserito l’olio di melaleuca tra i “rimedi naturali” , registrandolo tra quelli con un potenziale allergenico , mentre in UK è incluso nella lista delle sostanze presenti nelle medicine destinate alla vendita (MHRA).

Le esportazioni australiane di TTO sono cresciute oltre le 500 tonnellate fino agli anni (2004) in cui la UE ha posto dubbi sulla sua sicurezza .

Australian-tea-tree-industry-R-Davis)

Con un costo medio, attorno dai 20 €/kg, ma nei periodi di carenza dell’offerta ha raggiunto anche i 40€,  si parla di un giro d’affari per i produttori australiani dell’ordine dei 10/15 milioni di €.

Oggi le culture intensive di melaleuca alternifolia in Australia superano i 3000 ettari.

L’80 % del TTO è di provenienza australiana e i produttori australiani si sono dati standard di produzione esemplari per garantire un adeguato livello qualitativo del prodotto.

RISCHIO SUPERBUG, CEPPI RESISTENTI

Il suo utilizzo più comune e diffuso , come antimicrobico e antifungino, ha sollevato anche dubbi sul rischio di creare ceppi resistenti. Sono stati proprio i principali gruppi ambientalisti ed ecologisti americani, coinvolti nella campagna “Safe Cosmetics” ( http://www.ewg.org/enviroblog/2011/11/tea-tree-and-lavender-oils-what-we-dont-know ) ad evidenziare dubbi e cautele da adottare contro il proliferare di un utilizzo fuori controllo di questo olio:

A study published by Irish scientists in 2007 found that bacteria exposed to tea tree oil became resistant to it. Even more worrisome, they also became more resistant to conventional antibiotics. Researchers concluded that while tea tree oil is indeed an effective antibacterial agent, low-level, sustained application “may contribute to the development of antibiotic resistance in human pathogens” – a significant and growing medical concern. … Based on this research, EWG does not suggest avoiding all products containing tea tree oil, but it is wise to respect this potent compound and use it with caution – and with all the information you can get.”

La industrie australiane hanno prodotto “in risposta” alcuni studi, quasi sempre a firma della Dott.ssa Christine F.Carson del “Tea Tree Oil Research Group” australiano che conclude:

Bacteria appear to be overwhelmed by tea tree oil and its many active components,” Dr Carson said. “Overall, it is unlikely that resistance to tea tree oil would develop in P. aeruginosa following long-term continuous exposure. The development of resistance in other species of bacteria also seems unlikely to occur.”

Nel prudente linguaggio scientifico abbiamo un “è improbabile che sviluppi resistenza..” contro un “può sviluppare resistenza..” che tradotto per noi comuni mortali significa: sono necessari ulteriori studi.

INTERFERENZA ENDOCRINA

Un’altra ragione di perplessità legata all’olio di tea tree è legata al rischio interferenza endocrina.

I casi di ginecomastia infantile, cioè di crescita del seno in bambini esposti a cosmetici che lo contenevano di cui ho parlato qui, sono stati ridimensionati e si ritiene che non rivelino alcun nesso causale e nessuna responsabilità dell’olio di tea tree. (SCCP opinion 16 December 2008 :”the hypothesized correlation of the finding of 3 cases of gynecomastia to the topical use of Tea Tree Oil is considered implausible. “)

Ma varie ricerche in vitro evidenziano comunque un possibile ruolo come interferente endocrino , come d’altra parte centinaia di altri fitoestrogeni.

OLIO TAROCCO

Come tutti gli oli essenziali, l’olio di melaleuca varia la sua composizione in funzione della pianta, del clima a cui è esposta, della procedura di estrazione e della conservazione. Visto che viene estratto da foglie dopo la loro macerazione varia anche in funzione dell’età delle foglie e della loro conservazione, macerazione ecc… ecc…
Sono stati definiti degli standard di qualità per il tea tree oil tra cui il più significativo è lo standard ISO.


Tra questi componenti il TERPINEN-4-OL considerato il principale agente antimicrobico e l’ 1,8-CINEOLE variano in funzione del chemotipo della pianta. L’1,8-CINEOLE raramente supera il 6% e molti fornitori di qualità specificano sinteticamente con la sigla T40-C5 l’ordine di grandezza delle concentrazioni di queste sostanze nel loro olio.
Chemotipi diversi possono fornire oli con oltre il 50% di 1,8-CINEOLE.
Invece il P-CYMENE è considerato un indicatore della cattiva o troppo lunga conservazione dell’olio. La sua concentrazione tipica parte da un 2/3% negli oli non ossidati per arrivare anche ad un 19% negli oli ossidati. Il limite di concentrazione dello standard ISO ( 8%) è in realtà tipico di oli parzialmente ossidati.
Chi con il gascromatografo può verificare la composizione dell’olio ne ricava anche indicatori di qualità e di conservazione .
L’olio di tea tre può essere adulterato addizionando TERPINEN-4-OL sintetico a oli diversi o diluiti.

Nell’olio prevale la forma destrogira e il rapporto tipico tra i 2 enantiomeri è 70% destrogiro 30% levogiro.
Il TERPINEN-4-OL sintetico è però prevalentemente levogiro (75% levogiro e 25% destrogiro).

Quindi quando si riscontra che in un olio di melaleuca il rapporto tra i 2 enantiomeri del TERPINEN-4-OL è molto diverso da 70D/30L è ragionevole sospettare che sia un olio adulterato o taroccato.
Da una indagine dell’ATTIA, l’associazione delle industria australiane del tea tree oil, su diversi mercati è emerso che:
in Australia su 7 TTO commerciali, 2 erano potenzialmente adulterati,

in USA su 13 TTO commerciali , 5 erano potenzialmente adulterati

in Germania su 5 TTO commerciali, 1 era potenzialmente adulterato

in Cina su 8 TTO commerciali, 5 erano potenzialmente adulterati e 2 neppure contenevano TERPINEN-4-OL !!! Da notare che 2 campioni di oli commercializzati in USA ma di provenienza cinese sono invece risultati non adulterati.
(http://www.ifeat.org/wp-content/uploads/2012/12/Australian-Tea-Tree-Chopard-.pdf )

La azione antimicrobica ed antifungina di un olio adulterato con l’aggiunta TERPINEN-4-OL sintetico non cambia sensibilmente, se non cambia sensibilmente la concentrazione degli altri componenti dell’olio. L’efficacia antimicrobica dell’olio è risultato della sinergia dei sui diversi componenti, cioè la capacità di inibire o uccidere i microbi dell’olio è maggiore della somma delle capacità dei suoi singoli componenti.

MARGINE DI SICUREZZA NELL’USO COSMETICO
A conclusione dell’opinione del Comitato scientifico europeo SCCP si evidenzia l’impossibilità di calcolare il NOAEL cioè il livello a cui non si osservano effetti avversi dell’olio di melaleuca.

Visto che il nuovo regolamento cosmetico richiede di redigere un dossier di sicurezza del cosmetico
privilegiando questo parametro e richiede inoltre di segnalare la presenza di oli essenziali la raccomandazione del Colipa di limitarne le concentrazioni al 1% max potrebbe non essere sufficiente per un corretto calcolo dei rischi associati all’utilizzo di questo olio.

In realtà grazie agli esperti Norvegesi che già nel 2001 diedero al consiglio d’Europa un grande contributo alla redazione di alcune indicazioni per un utilizzo sicuro degli estratti erbali è possibile stimare il margine di sicurezza nell’utilizzo dell’olio di melaleuca.
Assumendo un NOAEL=117 mg /kg bw /day ricavato dagli effetti avversi sui reni nei test su animali e una Dose di Esposizione Sistemica, stimata nel caso di peggior scenario ( 100% di penetrazione) a seconda delle diverse tipologie di prodotto, si può assicurare un margine di sicurezza pari o superiore a 100 nei :
prodotti corpo ( lozioni ) con concentrazioni inferiori al 1%.
deodoranti idrogel ( roll on ) con concentrazioni inferiori al 2%
deodoranti in polvere con concentrazioni inferiori al 1%
negli shampoo con concentrazioni inferiori al 2%
nei saponi solidi con concentrazioni inferiori al 2% ( ricordando che l’azione del semplice sapone con risciacquo non è particolarmente inferiore alla azione dei saponi con agenti antimicrobici all’interno )

PRECAUZIONI
Anche se non ci sono evidenze scientifiche conclusive, visto che il principio di precauzione non si deve applicare solo per siliconi e paraffine, ritengo valide alcune indicazioni .
Evitare il rischio ingestione di prodotti con alte concentrazioni di olio di melaleuca. ( vale anche nei prodotti per animali ).
rif: TTO intoxication has been reported to cause drowsiness, confusion, hallucinations, coma, unsteadiness, weakness, vomiting, diarrhea,  stomach upset, blood cell abnormalities, and severe rashes. Oral poisoning in humans tends to be more dramatic in children because of their lower body weight. Among 787 cases reported to the American Poison control centers surveillance system in 2003, 518 (65.8%) occurred in children less than 6 years of age, 57 in those aged 6-19, and 212 were in adults older than 19 years. Thus, TTO should be kept away from pets and children and/or stored in bottles with child-resistant cap (SCCP/1155/08; Hammer et al., 2006; Carson et al., 2006;American Cancer Society).
Evitare l’applicazione di prodotti con alte concentrazioni di oli di melaleuca in soggetti a rischio di tumori estrogeno – dipendenti.

rif. American Cancer Society. Available at:
http://www.cancer.org/Treatment/TreatmentsandSideEffects/ComplementaryandAlternativeMedicine/HerbsVitaminsandMinerals/tea-tree-oil
http://www.cancer.gov/cancertopics/pdq/cam/aromatherapy/patient/Page2

OLIO DI MELALEUCA COME ANTIOSSIDANTE
Nell’inventario COSING l’olio di tea tree è classificato con funzione antiossidante.
Infatti il TERPINEN-4-OL degradando in P-CYMENE di fatto svolge una azione scavenger ( spazzino ) verso i radicali ossidativi. Visto che il TTO viene normalmente inserito nel cosmetico protetto da una cascata anti-ossidante nel caso di formulazioni ricche di oli vegetali poli-insaturi si ottiene una maggiore stabilità del sistema.
Concludendo
Il TTO ha pregi e svantaggi cosmetici che dipendono
1° qualità effettiva dell’olio che si sta maneggiando
2° tipo di formulazioni dove lo si inserisce.
Una discreta efficienza antifungina ed antimicrobica permette di utilizzarlo in sinergia con sistemi autoconservanti ( cosmetici impropriamente reclamizzati come “senza conservanti” ) o cosmetici di cui si vuole sfruttare una funzione antimicrobica ( deodoranti, cosmetici per pelli impure ecc.. ).
Molti alcoli volatili e monoterpeni contenuti negli oli essenziali svolgono una discreta azione antimicrobica, il loro utilizzo come conservanti alternativi dipende molto dalle concentrazioni, pH, presenza di chelanti e glicoli a catena lunga.
Senza arrivare alle restrizioni Norvegesi, che escludono l’utilizzo di TTO in cosmetici destinati a minori di 12 anni, sicuramente terrei alla larga infanti, minori di 3 anni, da ogni cosmetico che lo contiene.
Il suo utilizzo terapeutico o medicale dovrebbe comunque essere supervisionato da un professionista .

 

Rodolfo Baraldini

pubblicato 24 aprile 2014

Riferimenti:

 

Agarwal V, Lal P, Pruthi V. Prevention of Candida albicans biofilm by plant oils. 2008 Link Mycopathologia
Al-Shuneigat J, Cox SD, Markham JL. Effects of a topical essential oil-containing formulation on biofilm-forming coagulase-negative staphylococci. 2005 Link Letters in Applied microbiology
Banes-Marshall L, Cawley P, Phillips CA. In vitro activity of Melaleuca alternifolia (tea tree) oil against bacterial and Candida spp. isolates from clinical specimens. 2001 Link British Journal of Biomedical Science
Benger S, Townsend P, Ashford RL, Lambert P. An in vitro study to determine the minimum inhibitory concentration of Melaleuca alternifolia against the dermatophyte Trichphyton rubrum. 2004 Link The Foot
Biju SS, Ahuja A, Khar RK, Chaudry R. Formulation and evaluation of an effective pH balanced topical antimicrobial product containing tea tree oil. 2005 Link Pharmazie
Brady A, Loughlin R, Gilpin D, Kearney P et al. In vitro activity of tea-tree oil against clinical skin isolates of meticillin-resistant and -sensitive Staphylococcus aureus and coagulase-negative staphylococci growing planktonically and as biofilms. 2006 Link Journal of Medical microbiology
Budzy?ska A, Wieckowska-Szakiel M, Sadowska B, Kalemba D, et al. Antibiofilm activity of selected plant essential oils and their major components. 2011 Link Polish Journal of Mycology
Carson CF, Cookson BD, Farrelly HD, Riley TV. Susceptibility of methicillin-resistant Staphylococcus aureus to the essential oil of Melaleuca alternifolia. 1995 Link Journal of Antimicrobial Chemotherapy
Carson CF, Mee BJ, Riley TV. Mechanism of action of Melaleuca alternifolia (tea tree) oil on Staphylococcus aureus determined by time-kill, lysis, leakage, and salt tolerance assays and electron microscopy. 2002 Link Antimicrobial Agents and Chemotherapy
Christoph F, Kaulfers PM, Stahl-Biskup E. In vitro evaluation of the antibacterial activity of beta-triketones admixed to Melaleuca oils. 2001 Link Planta Medica
Cox S, Mann CM, Markham JL. Interactions between components of the essential oil of Melaleuca alternifolia. 2001 Link Journal of Applied microbiology
D’Auria F, Laino DL, Strippoli V, Tecca M et al. In vitro activity of tea tree oil against Candida albicans mycelial conversion and other pathogenic fungi. 2001 Link Journal of Chemotherapy
Elsom GKF, Hide D. Susceptibility of methicillin-resistant Staphylococcus aureus to tea tree oil and mupirocin. 1999 Link Journal of Antimicrobial Chemotherapy
Emira N, Mejdi S, Aouni M. In vitro activity of Melaleuca alternifolia (Tea tree) and Eucalyptus globulus essential oils on oral Candida biofilm formation on polymethylmethacrylate 2013 Link Journal of Medicinal Plants Research
Farnan TB, McCallum J, Awa A, Khan AD. Tea tree oil: in vitro efficacy in otitis externa. 2005 Link Journal of Laryngology & Otology
Goni MG, Tomadoni, B, Moreira MR et al Application of tea tree and clove essential oil on late development stages of Butterhead lettuce: Impact on microbiological quality. 2013 Link LWT-Food Science & Technology
Gonia MG, Tomadoni B, Moreira MR, Roura SI. Application of tea tree and clove essential oil on late development stages of Butterhead lettuce: Impact on microbiological quality 2013 Link LWT-Food Science Technology
Griffin SG, Markham JL, Leach DN. An agar dilution method for the determination of the minimum inhibitory concentration of essential oils. 2000 Link Journal of Essential Oil Research
Griffin SG, Wyllie G, Markham JL, Leach DN. The role of structure and molecular properties of terpenoids in determining their antimicrobial activity. 1999 Link Flavour & Fragrance Journal
Hada T, Furuse S, Matsumoto Y, Hamashima H et al. Comparison of the effects in vitro of tea tree oil and plaunotol on methicillin-susceptible and methicillin-resistant strains of Staphylococcus aureus. 2001 Link microbios
Hammer KA, Carson CF, Riley TV. In-vitro activity of essential oils, in particular Melaleuca alternifolia (tea tree) oil and tea tree oil products, against Candida spp. 1998 Link Journal of Antimicrobial Chemotherapy
Hammer KA, Carson CF, Riley TV. Melaleuca alternifolia (tea tree) oil inhibits germ tube formation by Candida albicans. 1998 Link Medical Mycology
Hammer KA, Carson CF, Riley TV. Frequencies of resistance to Melaleuca alternifolia (tea tree) oil and rifampicin in Staphylococcus aureus, Staphylococcus epidermidis and Enterococcus faecalis. 2008 Link International Journal of Antimicrobial Agents
Hammer KA, Carson CF, Riley TV. Effects of Melaleuca alternifolia (tea tree) essential oil and the major monoterpene component terpinen-4-ol on the development of single- and multi-step antibiotic resistance and antimicrobial susceptibility. 2011 Link Antimicrobial Agents and Chemotherapy
Hammer KA, Carson CF, Riley TV. Effects of Melaleuca alternifolia (tea tree) essential oil and the major monoterpene component terpinen-4-ol on the development of single- and multistep antibiotic resistance and antimicrobial susceptibility. 2012 Link Antimicrobial Agents & Chemotherapy
Hammer KA, Dry L, Johnson M, michalak EM, Carson CF, Riley TV. Susceptibility of oral bacteria to Melaleuca alternifolia (tea tree) oil in vitro. 2003 Link Oral microbiology and Immunology
Hammer KA, Heel KA. Use of multiparameter flow cytometry to determine the effects of monoterpenoids and phenylpropanoids on membrane polarity and permeability in staphylococci and enterococci. 2012 Link International Journal of Antimicrobial Agents
Hammer KA, Riley TV. Serial passage of Staphylococcus aureus and S. epidermidis in tea tree oil does not induce resistance to tea tree oil. 2009 Link ASM Annual Scientific Meeting & Exhibition, Perth
Harkenthal M, Layh-Schmitt G, Reichling J. Effect of Australian tea tree oil on the viability of the wall-less bacterium Mycoplasma pneumoniae. 2000 Link Pharmazie
Harkenthal M, Reichling J, Geiss HK, Saller R. Comparative study on the in vitro antibacterial activity of Australian tea tree oil, cajuput oil, niaouli oil, manuka oil, kanuka oil, and eucalyptus oil. 1999 Link Pharmazie
Horne D, Holm M, Oberg C, Chao S, Young DG. Antimicrobial effects of essential oils on Streptococcus pneumoniae. 2001 Link Journal of Essential Oil Research
Inouye S, Takahashi M, Abe S. Inhibitory Activity of hydrosols, Herbal Teas and Related Essential Oils against Filament Formation and the Growth of Candida albicans 2009 Link Japanese Journal of Medical Mycology
Inouye S, Tsuruoka T, Uchida K, Yamaguchi H. Effect of sealing and Tween 80 on the antifungal susceptibility testing of essential oils. 2001 Link microbiology & Immunology
Inouye S, Uchida K, Yamaguchi H. In-vitro and in-vivo anti-Trichophyton activity of essential oils by vapour contact. 2001 Link Mycoses
Juliano C, Demurtas C, Piu L. In vitro study on the anticandidal activity of Melaleuca alternifolia (tea tree) essential oil combined with chitosan. 2008 Link Flavour & Fragrance Journal
Karpanen TJ, Worthington T, Hendry ER, Conway BR et al. Antimicrobial efficacy of chlorhexidine digluconate alone and in combination with eucalyptus oil, tea tree oil and thymol against planktonic and biofilm cultures of Staphylococcus epidermidis. 2008 Link Journam of Antimicrobiaal Chemotherapy
Kulkarni A, Jan N, Nimbarte S. Monitoring Of Antimicrobial Effect of GC-MS Standardized Melaleuca alternifolia Oil (Tea Tree Oil) On Multidrug Resistant Uropathogens 2012 Link IOSR Journal of Pharmacy and Biological Sciences
LaPlante KL. In vitro activity of lysostaphin, mupirocin, and tea tree oil against clinical methicillin-resistant Staphylococcus aureus. 2007 Link Diagnostic microbiology and Infectious Disease
Liu X, Zu Y, Fu Y, Yao L, Gu C, Wang W et al. Antimicrobial activity and cytotoxicity towards cancer cells of Melaleuca alternifolia (tea tree) oil. 2009 Link European Food Research and Technology
Mann CM, Markham JL. A new method for determining the minimum inhibitory concentration of essential oils. 1998 Link Journal of Applied microbiology
Mann CM, Southwell IA. Measuring the antimicrobial activity of tea tree oil. 1996 n/a TT Symposium
Mayaud L, Carricajo A, Zhiri A, Aubert G. Comparison of bacteriostatic and bactericidal activity of 13 essential oils against strains with varying sensitivity to antibiotics. 2010 Link Letters in Applied microbiology
Mcmahon MAS, Tunney MM, Moore JE, Blair IS et al. Changes in antibiotic susceptibility in staphylococci habituated to sub-lethal concentrations of tea tree oil (Melaleuca alternifolia) 2008 Link Letters in Applied microbiology
Mondello F, Girolamo A, Scaturro M, Ricci M. Determination of Legionella pneumophila susceptibility to Melaleuca alternifolia Cheel (tea tree) oil by an improved broth micro-dilution method under vapour controlled conditions. 2009 Link Journal of microbiological Methods
Moreira MR, Ponce AG, del Valle CE, Roura SI. Inhibitory parameters of essential oils to reduce a foodborne pathogen. 2005 Link LWT- Food Science and Technology
Morris JA, Khettry A, Seitz EW Antimicrobial activity of Aroma chemicals and essential oils. 1979 Link Journal of the Americal Oil Chemists Society
Nenoff P, Haustein UF, Brandt W. Antifungal activity of the essential oil of Melaleuca alternifolia (tea tree oil) against pathogenic fungi in vitro. 1996 Link Skin Pharmacology
Noumi E, Snoussi M, Bakhrouf A. In vitro effect of Melaleuca alternifolia and Eucalyptus globulus essential oils on mycelia formation by oral Candida albicans strains. 2010 Link African Journal of microbiology Research
Oussalaha M, Cailleta S, Saucierc L, Lacroixa M. Antimicrobial effects of selected plant essential oils on the growth of a Pseudomonas putida strain isolated from meat. 2006 Link Meat Science
Oyedeji OO, Oyedeji AO, Shode FO Compositional Variations and Antibacterial Activities of the Essential Oils of three Melaleuca Species from South Africa 2014 Link Journal of Essential Oil Bearing Plants
Ponce AG, del Valle CE, Roura SI. Natural essential oils as reducing agents of peroxidase activity in leafy vegetables. 2004 Link LWT- Food Science and Technology
Ponce AG, Fritz R, del Valle C, Roura SI. Antimicrobial activity of essential oils on the native microflora of organic Swiss chard. 2003 Link Lebensmittel-Wissenschaft und-Technologie
Ponce AG, Roura SI, Moreira MR. Essential Oils as Biopreservatives: Different Methods for the Technological Application in Lettuce Leaves. 2011 Link Journal of Food Science
Ramacciato JC, Simoes F M, Florio R, Cecanho FC et al. Antimicrobial activity of Melaleuca alternifolia against Streptococci and S. aureus. 2000 Link Journal of Dental Research
Ramage G, Milligan S, Lappin DF, Sherry L, et al. Antifungal, cytotoxic, and immunomodulatory properties of tea tree oil and its derivative components: potential role in management of oral candidosis in cancer patients 2012 Link Frontiers in microbiology
Raman A, Weir U, Bloomfield SF. Antimicrobial effects of tea-tree oil and its major components on Staphylococcus aureus, Staph. epidermidis and Propionibacterium acnes. 1995 Link Letters in Applied microbiology
Riccioni L. Orzali L. Activity of Tea Tree (Melaleuca alternifolia, Cheel) and thyme (Thymus vulgaris, Linnaeus.) Essential Oils against Some Pathogenic Seed Borne Fungi. 2011 Link Journal of Essential Oil Research
Riedl RW. Practical methods for using tea tree oil. 1997 Link Agro-Food-Industry Hi – Tech
Saxena S, Uniyal V, Bhatt RP. Inhibitory Effect of Essential Oils Against Trichosopron ovoides Causing Piedra Hair Infection 2012 Link Brazilian Journal of microbiology
Takarada K. The effects of essential oils on periodontopathic bacteria and oral halitosis. 2004 Link Oral microbiology and Immunology
Tampieri MP, Galuppi R, Carelle MS, Macchioni F et al. Effect of Selected Essential Oils and Pure Compounds on Saprolegnia parasitica. 2003 Link Pharmaceutical Biology
Thomsen NA, Hammer KA, Riley TV, Van Belkum A, Carson CF. Effect of habituation to tea tree (Melaleuca alternifolia) oil on the subsequent susceptibility of Staphylococcus spp. to antimicrobials, triclosan, tea tree oil, terpinen-4-ol and carvacrol. 2013 Link International Journal of Antimicrobial Agents
Traboulsi RS, Mukherjee PK, Ghannouma MA. In vitro activity of inexpensive topical alternatives against Candida spp. isolated from the oral cavity of HIV-infected patients. 2008 Link International Journal of Antimicrobial Agents
Tsao N, Kuo CF, Lei HY, Lu SL et al. Inhibition of group A streptococcal infection by Melaleuca alternifolia (tea tree) oil concentrate in the murine model 2010 Link Journal of Applied microbiology
Tyagi AK, Malik A. Antimicrobial action of essential oil vapours and negative air ions against Pseudomonas fluorescens 2010 Link International Journal of Food microbiology
Valentine BK, Dew W, Yu A, Weese JS. In vitro evaluation of topical biocide and antimicrobial susceptibility of Staphylococcus pseudintermedius from dogs. 2012 Link Veterinary Dermatology
Williams LR, Home VN. A comparative study of some essential oils for potential use in topical applications for the treatment of the yeast Candida albicans. 1995 Link Australian Journal of Medical Herbalism
Yap PS, Lim SH, Hu CP, Yiap BC. Combination of essential oils and antibiotics reduce antibiotic resistance in plasmid-conferred multidrug resistant bacteria 2013 Link Phytomedicine


(6158)
(30)

 

 

I commenti, le testimonianze e le opinioni sono sempre graditi. I programmi anti-spam possono far si che il commento sia visibile nel blog solo dopo approvazione. Per inserire nei commenti un link, rimuovere http:// e www. I commenti con argomentazioni ad personam, promozionali o non pertinenti verranno cancellati. Non è questa la sede per supportare le proprie tifoserie, fedi o ideologie.

7 Commenti

  1. quindi ne deduco che l’utilizzo puro sulla pelle che molti ne fanno, non sia una scelta proprio saggia

    • premesso che la gente comune neppure immagina quanti oli essenziali venduti come puri sono in realtà diluiti o taroccati , ed anche tanto, direi che le indicazioni Colipa di limitarne la concentrazione diluendolo al 1% siano più che ragionevoli.

      • grazie! per caso sul blog c’è qualche articolo dove parli di estratti vegetali?

      • No ! ma ne parlerò… purtroppo la definizione “estratto” è una delle più vaghe . Fa intendere e sognare molto ma dice molto poco al consumatore su quello che in realtà c’è dentro.

      • bene :) ) è un argomento che mi interessa molto

  2. Grazie infinite per queste informazioni. Grazie per avere citato le fonti con relativi link.

  3. Grazie

Commenta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Choose a Rating