LUMINESCE cellular rejuvenation serum

LUMINESCE cellular rejuvenation serum

Elisa mi scrive: Vorrei un’opinione/valutazione su “cellular rejuvinating serum” di Jeunesse.

Non mi piace fare recensioni, ma grazie ad Elisa posso parlare di come alcuni cosmetici si posizionano sul mercato e di come e cosa si comunica per venderli.

Prezzi e informazioni rilevate in rete nei siti della marca o nei siti di vendita on-line.
Valutazioni personali sulla lista ingredienti nei riquadri rosa

LUMINESCE™ cellular rejuvenation serum

prezzo € 136,90 per 15 ml corrispondenti a

9127 €/litro


Un prodotto per il ringiovanimento come nessun altro. Questo siero setoso possiede la nostra più alta percentuale di complesso di fattore di crescita per ricaricare al massimo il rinnovamento cellulare. Utilizzare due volte al giorno dopo la pulizia e come fondo per il nostro complesso idratante quotidiano o il riparazione notte avanzata.

INGREDIENTI:
Adipose Derived Adult Stem Cell Conditioned Media, Purified Water, Glycerin, Saccharomyces Lysate Extract, Hydroxyethylcellulose, Gluconolactone (and) Sodium Benzoate, Sodium Hyaluronate, Xanthan Gum, DL-Panthenol, Sodium PCA, Allantoin, Superoxide Dismutase, Sodium Hydroxide.
MINIMIZZA
Minimizza il presentarsi di line fini e rughe facciali profonde
RIFORNISCE
Rifornisce le quantità naturali di fattori di crescita e proteine della pelle
che potrebbero essersi esaurite con l’età
RITARDA
Ritarda la comparsa del processo di invecchiamento
IDRATA
Ristabilisce I livelli di idratazione della pelle
ASSORBE
Viene assorbito rapidamente dalla pelle

Se non si è capito:

Non mi piace!

Vediamo perché non mi piace.

  • La società è partita con la vendita diretta, nel suo sito si parla chiaramente dei guadagni con uno stile di comunicazione che evoca il multilevel marketing, tecnica di vendita di cui diffido profondamente quando si enfatizzano i grandi potenziali guadagni della forza vendita. Il fatto che sia presente anche la vendita on line confonde ancor di più la strategia di marketing.
  • Non mi piace la poca trasparenza delle marche cosmetiche che non pubblicano chiaramente le liste ingredienti, la lista ingredienti trovata nei siti di vendita on-line è per lo meno “discutibile”
  • Il prodotto e la linea sono state lanciate cavalcando la discutibile, un po’ ridicola, moda cosmetica delle cellule staminali, focalizzandosi però su cellule staminali adulte e non vegetali. L’ingrediente “Adipose Derived Adult Stem Cell Conditioned Media” non si sa bene cosa è. Non è un INCI correttamente registrato e non è neppure una definizione che identifica chiaramente la sostanza. Ho qualche dubbio sul rispetto del regolamento europeo. L’ingrediente sembra riferirsi a cellule staminali adulte derivate da tessuti adiposi. Ma visto che non sono certamente cellule vive quelle che il cosmetico può contenere, si parla di “conditioned media” cioè del “mezzo” o se preferiamo del brodo dove si conservano e coltivano le cellule staminali. Questo è per lo più una soluzione salina o zuccherina o proteica a seconda del processo biologico che si vuole realizzare. Insomma acqua e sali o acqua e saccaridi o acqua e proteine.  UHM!! micca me la raccontano chiaramente.
  • Grazie ad Elisa che mi ha procurato una trascrizione della lista ingredienti come apparirebbe sul prodotto trovo altre ragioni per essere perplesso.
    Ingredienti:
    Phosphate buffered saline aqua glycerin saccharomyces lysate extract hydroxyethylcellulose sodium hyaluronate xantham gum sodium hydroxite allantoin panthenol sodium pca superoxide dismutase gluconolactone sodium benzoate ipomoea batatas root extract

    La mancanza di trasparenza della marca non permette di capire se ci sono errori di trascrizione nei siti di vendita o nella lista riferita da Elisa. Ma quest’ultima sembra rispondere maggiormente al regolamento europeo.
    Il primo ingrediente, non parla più di cellule staminali adulte, ma identifica chiaramente una soluzione ( in realtà “aqua” dovrebbe essere comunque in prima posizione ) normalmente di sali cloruro di sodio e cloruro di magnesio o calcio, in ambiente acidificato da acido fosforico. Si formano così anche sali fosfati di sodio idrati e di potassio o calcio. Insomma una soluzione tampone isotonica spesso utilizzata per le colture cellulari. Dulbecco se non ricordo male ne ha definite alcune varianti. Insomma si tratta sali banalissimi dissolti in acqua che ai massimi gradi di purezza per finalità di ricerca difficilmente costano più di 40€/litro e se ce la si vuole realizzare in casa difficilmente costa più di 0,5 €/litro.

  • La comunicazione più recente, quando non si riferisce alle staminali, parla molto e spesso di fattori di crescita.
    UHM!!  micca me la raccontano chiaramente.
    I pochi consumatori che sanno cosa sono o ci hanno lavorato conoscono quasi sicuramente i TGF, Transforming Growth Factor, che in alcune ricerche sono Tissue Growth Factor, in altre Tumor Growth Factor a seconda delle finalità della ricerca. Qualcuno nella cosmesi evoca poi l’EGF, Epidermal Growth Factor.Poi ci sono i Vascular endothelial growth factor, VEGF, i fibroblast growth factor, FDF e tanti altri. Insomma parlare di fattori di crescita senza specificare “quali” fattori di crescita non dice nulla su cosa eventualmente farebbe l’ingrediente. Inoltre questi fattori di crescita sono sequenze di aminoacidi, strutture proteiche, ben identificate di cui nella lista ingredienti del prodotto proprio non c’è traccia.

Non ho perplessità di nessun tipo invece sul prezzo, a parte qualche sghignazzo per la volontaria comicità dei siti di vendita on-line che scrivono che costa “SOLO 136,90 €”.
Il cosmetico è un bene di consumo che viene messo sul mercato per far guadagnare chi lo produce e vende.
Nella mia cultura profondamente libertaria, se c’è chi è contento di spendere così i suoi soldi, ben venga.

Rodolfo Baraldini

pubblicato 13 ottobre 2015

articoli correlati:

Ancora sulle staminali nei cosmetici e sulla principale funzione degli ingredienti cosmetici

Pratiche commerciali scorrette nel cosmetico e non…

LA BUFALA delle cellule staminali vive dentro ai cosmetici

Riferimenti:
http://www.medicago.se/sites/default/files/pdf/productsheets/PBS_Buffer_v._01.pdf
https://www.facebook.com/StemCellTechnologyCDA
http://www.anti-aging-solutions.ch/jeunesse/language_it/prodotti.html
http://www.acai-e-salute.it/luminesce-cellular-rejuvenation-serum-anti-rughe.html
http://www.teams.jeunesseglobal.com/products.aspx?p=LUMINESCE

www.monuniverse.jeunesseglobal.com
http://jeunesseworld.net/pdf/FAQ_LUMINESCE.pdf

L’ISSCR (la principale Società scientifica internazionale per la ricerca sulle cellule staminali) ha emesso specifiche linee-guida per la ricerca e l’applicazione clinica in merito, mettendo fortemente in guardia i pazienti rispetto alla frequente presentazione di risultati volutamente esagerati e senza alcun fondamento reale nell’ambito di tali presunte “terapie”, spesso accompagnate anche dall’omissione dei rischi relativi:
« ”Too often rogue clinics around the world exploit patients’ hopes by offering unproven stem cell therapies, typically for large sums of money and without credible scientific rationale, oversight or patient protections” »
“Troppo spesso, al mondo, dei clinici disonesti speculano sulle speranze dei pazienti, proponendo terapie con staminali prive di riscontri oggettivi, tipicamente in cambio di grandi somme di denaro, e senza fondamento scientifico, senza controlli indipendenti, senza protezione del paziente”

 

I commenti, le testimonianze e le opinioni sono sempre graditi. I programmi anti-spam possono far si che il commento sia visibile nel blog solo dopo approvazione. Per inserire nei commenti un link, rimuovere http:// e www. I commenti con argomentazioni ad personam, promozionali o non pertinenti verranno cancellati. Non è questa la sede per supportare le proprie tifoserie, fedi o ideologie.

16 Commenti

  1. Ciao, non voglio essere formale, leggo il vostro blog perchè solitamente è molto interessante; mi chiamo Edoardo, sono disoccupato, ho tre figli, però mia moglie ha un piccolo centro estetico in paese e abbiamo avuto occasione di provare i prodotti e di paragonarli ad altri che abbiamo acquistato in precedenza; per noi questo prodotto si è rivelato ottimo; abbiamo provato molte linee anti age, anche più costose, e non abbiamo mai riscontrato risultati così incoraggianti; già applicando una sola goccia di questo siero si percepisce subito l’elevata resa per cm2 del prodotto, che appare molto denso e ricco; premetto che io uso personalmente Luminesce da alcune settimane, sia come siero sia come maschera e sono già soddisfatto dei primi risultati che ho ottenuto; non conosco il motivo del vostro accanimento ma sinceramente riscontro che la recensione sia fuorviante ed impostata con superficialità: infatti non si parla assolutamente di cellule staminali dentro al
    prodotto, bensì di “fattori crescita” estratti da
    staminali umane; forse non siete a conoscenza che i fattori crescita sono dei peptidi, e moltissimi cosmeceutici contengono già amminoacidi, l’unica differenza è che LUMINESCE contiene oltre 200 tipi di questi messaggeri cellulari, ricavati da staminali umane, tipo citochine ed interleuchine; il Dr. Nathan Newman che ha scoperto questa tecnologia è un ricercatore di fama mondiale, non si tratta oggettivamente di un ciarlatano. Il prodotto è certificato FDA ed è in attesa di brevetto: sinceramente se fossi il ricercatore, cercherei di non essere troppo specifico, perchè sappiamo che il cinese di turno è già lì pronto per copiarla e metterla sul mercato (senza FDA); in conclusione, mi sembra che criticare un prodotto senza prima averlo provato nè utilizzato, sia un po’ come dire che il cioccolato è cattivo dopo aver annusato altro… Comunque, a parte i marronei paragoni, ci tengo a precisare che io sono un consumatore felice di questo prodotto e che ho ottenuto risultati oggettivamente incoraggainti già nel corso di circa 30 giorni di utilizzo. Per questi motivi, prego Rodolfo di abbassare i toni delle illazioni, e possibilmente di rivedere il contenuto della recensione e lo incoraggio vivamente a testare personalmente il prodotto e a riferirci le sue impressioni dopo aver effettuato maggiori ricerche ed un periodo di prova sufficientemente lungo, grazie.

    • Abbiamo opinioni molto diverse. Per me il claim “contiene 200 messaggeri cellulari, ricavati da staminali umane” è proprio quello per cui non comprerei questo cosmetico, neppure costasse un decimo. E quando la comunicazione del cosmetico non mi convince, non ho bisogno di provare. Non sono il cliente ideale per chi vuole vendere, cosmetici, neppure per Guido Angeli.

      • Beh, vedi, il fatto è che questi messaggeri cellulari fanno davvero la differenza… ma allora è come dire che non consiglio a nessuno di mangiare la cioccolata perchè ha un colore che non mi invita all’acquisto… ma queste sono disquisizioni opinabili e soggettive che non giustificano una recensione negativa. Dal mio punto di vista un cosmetico deve dare l’effetto che promette, e questo lo fa, fino a prova contraria; quindi o sei in grado di dimostrare che non funziona oppure è meglio mostrarsi umili…

      • Gli argomenti ad personam vengono cancellati.

      • Beh, vedi, lo slogan è motivato da migliaia di consumatori felici in tutto il mondo; a quanto afferma il dr.Nathan Newman, sono proprio questi messaggeri cellulari che fanno la differenza… Non per niente sono frutto di anni di studio in laboratori ricerca… ma allora è come dire che non consiglio a nessuno di mangiare la cioccolata perchè ha un colore che a me non invita all’acquisto… ma queste sono disquisizioni opinabili e soggettive che non giustificano una recensione negativa di questa portata. Dal mio punto di vista un cosmetico deve dare l’effetto che promette, e questo lo fa, fino a prova contraria; quindi prima di parlare bisognerebbe essere in grado di dimostrare che non funziona e che il dr.Nathan Newman è un impostore. Tra l’altro questo prodotto viene distribuito attraverso un network di persone comuni che lo utilizzano ed anche lo vendono, quindi sta salvando dalla crisi economica molte famiglie italiane in difficolta che fanno fatica ad arrivare a fine mese.

  2. Ciao Rodolfo, grazie x l’articolo

    • Trent’anni fa, il buon Guido Angeli, diceva: “provare per credere!”

  3. Salve signor Baraldini, trovo i suoi articoli molto interessanti mi scusi se sono un pò fuori tema ma non sono riuscita a trovare un argomento a riguardo e se non le dispiace provo a farle qui una domanda, potrebbe spiegarmi qual’è la differenza tra un siero cosmetico ed una crema? ho cercato tanto nel web ma a parte qualche forum e pochi articoli per lo più riguardanti aziende cosmetiche non trovo risposte soddisfacenti, la ringrazio

    • salve , nel mio blog è obbligatorio non essere formali, quindi ci si da del tu.:)
      Il termine “siero” nella cosmesi è utilizzato commercialmente per descrivere cosmetici con volumi piccoli e funzionalità presumibilmente elevata. Tende a giustificare prezzi più alti. Nessun riferimento alla definizione farmacologica: liquido organico residuo da coagulazione ecc. ecc.. Si intende normalmente che sia “più” fluido, ma può essere liquido, gel o anche emulsione fluida. Essendo una definizione commerciale non ci sono obblighi particolari per utilizzarla solo a certe condizione. Anche il termine “concentrato” paradossalmente ha le stesse caratteristiche , infatti il consumatore non può sapere “concentrato rispetto a cosa ?”.

      • Ciao allora, e grazie. Ecco questa è la conferma che mi aspettavo, leggendo alcuni INCI cosmetici di sieri per l’appunto, mi ero fatta l’idea che fosse semplicemente una “forma cosmetica” quindi con delle caratteristiche specifiche di formulazione e con la presenza di una maggiore concentrazione di attivi generalmente (se non erro) idrosolubili, non mi sembra di aver notato mai la presenza di emulsionanti di origine cerosa o burri. Sono una semplice appassionata curiosa, ma non un’intenditrice, quindi mi pare di capire che la definizione di “siero” è puramente indicativo (commerciale) ma appunto un metodo per distinguerne la struttura, potrebbe essere chiamato fluido o lozione. Grazie ancora

  4. Solo 134€ per 15 ml, mi sembra un prezzo per tutti… :-( Certo che per questo prezzo, dovrebbe far ringiovanire di 10 anni solo applicandolo una volta. Peccato non penso funzioni come il siero del film “La morte ti fa bella”. Fortunatamente costa così tanto che non lo proverò mai. Magari se lo vendevano a meno, qualcuno lo poteva provare, ma a questi prezzi, SOLO l’elite può provarne la bontà (faccio xd)

    • L’argomento cosmetici a prezzo “molto alto” ed il concept marketing che c’è dietro ho visto che interessa molto ( 4 mail ) ne parlerò perché è un fenomeno interessante e curioso della cosmesi.

    • Il prodotto si può acquistare per prova ad un prezzo ridotto. Comunque mi permetto un commento: prima di restare disoccupato, ho lavorato15 anni per industrie cosmetiche fornendo componenti ed attrezzature per gli impianti di produzione, ma ancor di più oggi, tramite mia moglie che è estetista, ho avuto modo di provare diversi tipi di prodotti e nessun prodotto anti age che ho provato ha mantenuto le sue promesse, come Luminesce, che invece fa proprio quello che dice, e anche di più.

    • si può acquistare per prova con il 25% di sconto, come “preferred customer”. Posso spiegare come si fa.

      • Ciao Edo1970, potresti dirmi come si fa ad acquistate il siero Luminesce in prova con sconto?grazie Sonia.

      • Ricordo che è vietato fare pubblicità, proporre sconti e qualsiasi utilizzo commerciale del blog. Pertanto questi messaggi verranno cancellati.
        http://www.nononsensecosmethic.org/come-usare-il-sito/

Commenta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Choose a Rating