Deodoranti senza alcol e senza alluminio

  Deodoranti senza alcol e senza alluminio


Molto richiesto nel sondaggio sugli argomenti che si vorrebbe approfondire il tema dei “deodoranti senza … alcol e alluminio ”

-Perché i claim privativi?
-Deodorare
-Alcol e alluminio nei deodoranti

Perché i claim privativi?

I claim privativi, cioè le affermazioni che pubblicizzano l’assenza di un ingrediente in un cosmetico, servono a vendere il cosmetico. Come tutti i claim.
Il meccanismo per cui il consumatore viene indotto ad acquistare un prodotto che si vanta di essere senza una specifica sostanza è abbastanza articolato.
A monte deve esserci una campagna di opinione o uno stereotipo cognitivo che negativizza o demonizza la sostanza. Esemplare il caso dell’olio di palma.

Ma anche se la campagna di demonizzazione e l’allarmismo non sono imputabili direttamente all’azienda che vuole vendere il prodotto, questi claim possono ricadere nelle pratiche commerciali sleali, così come sono definite dalle norme, quando formulano affermazioni di fatto inesatte per quanto riguarda la natura e la portata dei rischi per la sicurezza personale del consumatore o della sua famiglia.

Anche per questo le aziende che sfruttano per vendere i vari claim “senza questo” e “senza quello” si guardano bene dal motivare la scelta formulativa, non potendo comunicare esattamente perché mai quel ingrediente comporterebbe un rischio per la sicurezza del consumatore.
L’allarmismo e la demonizzazione dell’ingrediente sono innescati molto spesso dal FUD ( Fear, Uncertainty, Doubt ) cioè da una strategia di comunicazione che instilla paura, incertezza e dubbio nel consumatore verso quella tal sostanza.
Basta che un venditore di materie prime cosmetiche cominci a scrivere che i conservanti che rilasciano formaldeide sono nocivi e vanno evitati come la peste, che le bufala può diventare virale con decine di blogger e siti che la rimbalzano e amplificano. La diffusione dell’allarmismo sfrutta meccanismi psicologici e sociali diversi, non c’è un preciso interesse economico nella blogger o nel utente di una qualche piattaforma social o di un qualche forum che rimbalza e propaganda la bufala. A parte chi diventa spacciatore di paura (fear mongering) per una qualche sua turbe psicologica, a parte le eventuali motivazioni ideologiche o religiose, a monte della diffusione di insensati allarmi su internet c’è una sovrastima, una eccessiva sicurezza di sé riguardo l’utilità e la precisione delle proprie conoscenze e informazioni.
In questo le aziende che vogliono vendere il cosmetico vantando che è senza questo o senza quello non devono fare nulla, si adeguano abilmente alla diffusione virale dell’allarmismo.

Deodorare

Si può deodorare, cioè liberarsi dai cattivi odori, agendo su più piani:
“riducendo” la formazione dei cattivi odori,
“assorbendo” i cattivi odori, riducendone la volatilità,
“coprendo” i cattivi odori con odori gradevoli in grado di mascherarli.
I normali deodoranti cosmetici sfruttano i diversi meccanismi d’azione, a volte tutti e 3 contemporaneamente.
A livello industriale, visto che i cattivi odori sono sostanze volatili, si può deodorare “degasando”, in pratica estraendo i cattivi odori.
Per ridurre la formazione dei cattivi odori si può agire sia sulla flora batterica, le sostanze volatili sono facilmente prodotte da lisi enzimatiche dovute ai batteri cutanei, sia sulla sudorazione.
Riducendo la traspirazione si riduce l’ambiente umido che agevola le reazioni biologiche e chimiche formatrici dei cattivi odori e si riducono anche le sostanze precursori dei cattivi odori che il sudore trasferisce sulla superfice della pelle.
Assorbire i cattivi odori comporta “legare” le molecole responsabili del cattivo odore in modo che non si diffondano o si diffondano meno.
Si può fare sia con polveri assorbenti sia con reagenti che “salificano” le molecole responsabili dei cattivi odori (ad esempio gli acidi grassi a catena corta).
Coprire un cattivo odore con un profumo è in realtà più complesso di quello che sembra. Non basta infatti un profumo che evapora più facilmente e con una soglia di percezione più bassa. È relativamente complesso fornire una coprenza che non si esaurisca entro pochi minuti dall’applicazione del deodorante, così come è difficile impedire che i normali trasportatori (carrier) del profumo non fungano anche da carrier delle molecole responsabili del cattivo odore.

Alcol e alluminio nei deodoranti

Sempre più deodoranti sul mercato pubblicizzano l’assenza di Alcol e/o di Alluminio.
Sui sali di alluminio, ai fattori di rischio ampiamente noti per la sua tossicità sistemica, si sono aggiunti controversi allarmi su una presunta connessione con il cancro o con l’Alzeimer.
I sali, ossidi e idrossidi di alluminio formano un gel con l’acqua che rende meno fluida la fuoriuscita del sudore. Sono al momento i migliori antitraspiranti conosciuti. Se col deodorante si vuole agire anche riducendo il flusso del sudore, è molto difficile farlo senza sali di alluminio.
Al momento la valutazione della sicurezza di questi antitraspiranti basati sull’alluminio è complessa e deve considerare l’esposizione sistemica a queste sostanze. Banalizzando molto, se prendiamo del Maalox o altri antiacidi, probabilmente assumiamo più idrossidi di alluminio di quelli che potrebbero penetrare con qualunque antitraspirante applicato sotto le ascelle. Nel 2014 l’SCCS, il Comitato scientifico per la sicurezza dei consumatori, aveva concluso che i dati sulla penetrazione da applicazione cosmetica erano insufficienti e non si poteva fare una corretta valutazione dei rischi.

Nel 2017 a seguito di un nuovo dossier sulla sicurezza dell’alluminio nei cosmetici prodotto dalle industrie cosmetiche europee è stata richiesta una nuova opinione scientifica del SCCS dove, se si ravvisasse che l’assorbimento sistemico dovuto ai cosmetici fosse ragione di preoccupazione, all’alluminio, sali e idrossidi verrebbero applicate restrizioni. Ad oggi nella UE non ci sono limiti nelle concentrazioni con cui potrebbero essere inseriti negli antitraspiranti con l’eccezione dei sali di alluminio in cui è presente anche il zirconio (ALUMINIUM ZIRCONIUM CHLORIDE HYDROXIDE) di cui la concentrazione massima ammessa è del 20%. Negli USA invece le concentrazioni ammesse per diversi sali di alluminio con funzione antitraspirante nel mercato OTC vanno dal 15 al 25% a seconda del tipo di sale utilizzato.

In attesa della opinione del SCCS, c’è al momento un evidente carenza/ritardo nelle norme europee sui sali di alluminio utilizzati come antitraspiranti. Anni fa non era difficile trovare antitraspiranti con concentrazioni di sali di alluminio anche superiori al 30%. A concentrazioni così alte sono significativi anche gli effetti antimicrobici dei sali metallici. Da qualche anno, è l’industria stessa che ha cominciato a limitarne autonomamente le concentrazioni, anche per adeguarsi alle restrizioni vigenti negli USA. Ma il problema dell’esposizione all’alluminio cosmetico non si limita ai deodoranti/antitraspiranti. Infatti l’alluminio può derivare anche da cosmetici per labbra o da solari.

L’alcol, ovvero l’alcol etilico o altri simili alcoli corti, può trovarsi nel deodorante come solvente e carrier del profumo. L’alcol più è corto, cioè con pochi atomi di carbonio, più è volatile e più esplica anche una discreta azione antimicrobica.
Nelle formulazioni dei deodoranti l’alcol non è determinante e può essere sostituito da glicoli associati al TRIETHYL CITRATE che idrolizzato dai batteri cutanei si comporta come un cessore di etanolo a lento rilascio.
Sia l’etanolo che i sali di alluminio ad alte concentrazioni sulla pelle sono potenzialmente irritanti. Ha un buon razionale il formulare deodoranti per pelli sensibili o reattive senza alcol e senza alluminio. Ma è tutto da dimostrare che gli ingredienti alternativi all’alcol ed all’alluminio siano meno irritanti. Inoltre volendo avere un effetto antitraspirante è estremamente difficile trovare un ingrediente sostitutivo dei sali di alluminio che riduca la traspirazione in modo analogo. L’utilizzo di ZINC CARBONATE HYDROXIDE e ALUMINUM STARCH OCTENYLSUCCINATE non produce una riduzione della traspirazione comparabile con quella ottenibile con i sali di alluminio.

Rodolfo Baraldini

Riferimenti:

Aluminium-containing antiperspirants contribute to aluminium intake – BfR opinion No. 007/2014, 26 February 2014

FDA :Antiperspirant Drug Products For Over-the-Counter Human Use; Final Monograph

Urban J, Fergus DJ, Savage AM, et al. The effect of habitual and experimental antiperspirant and deodorant product use on the armpit microbiome. Josenhans C, ed. PeerJ. 2016;4:e1605. doi:10.7717/peerj.1605.

Willhite CC, Karyakina NA, Yokel RA, et al. Systematic review of potential health risks posed by pharmaceutical, occupational and consumer exposures to metallic and nanoscale aluminum, aluminum oxides, aluminum hydroxide and its soluble salts. Critical reviews in toxicology. 2014;44(Suppl 4):1-80. doi:10.3109/10408444.2014.934439.

Conversion of aluminum chlorohydrate to aluminum hydroxid

Articoli correlati:

L’ alcol nei cosmetici
ALLARME : ALLUMINIO nei cosmetici – QUANDO LA BUFALA SI INTRECCIA CON L’ALLARME REALE
FUD, cosa è?

I commenti, le testimonianze e le opinioni sono sempre graditi. I programmi anti-spam possono far si che il commento sia visibile nel blog solo dopo approvazione. Per inserire nei commenti un link, rimuovere http:// e www. I commenti con argomentazioni ad personam, promozionali o non pertinenti verranno cancellati. Non è questa la sede per supportare le proprie tifoserie, fedi o ideologie.

Commenta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Choose a Rating