Creme che si proclamano anti-rughe

Creme che si proclamano anti-rughe

Nadia dopo l’articolo “Le creme idratanti combattono le rughe?”, giustamente chiede:
Una crema dichiaratamente anti rughe, quanto può ridurre le rughe esistenti, prevenirne di nuove e combattere il rilassamento cutaneo?

Esistono oggi molti trattamenti relativamente efficaci contro le rughe, sia a livello di prevenzione, che di correzione/riduzione e pensavo di parlarne presto più dettagliatamente. Ma per rispondere sinteticamente a Nadia :

1° L’aggettivazione, claim, ANTI-RUGHE non è chiara, univoca e ben definita. Infatti significa che il prodotto è genericamente “contro le rughe”, ma non dice se le elimina, oppure le riduce, oppure le previene, oppure le nasconde oppure se è contro perché fa il tifo per la pelle liscia.
Quasi tutte le creme che si dichiarano anti-rughe sono sostanzialmente creme idratanti con qualche attivo anti-rughe dentro. Svolgendo una azione idratante comunque esplicano una relativa e limitata azione anti-rughe, se non altro a livello preventivo o ottico e questo avverrebbe anche se gli attivi anti-rughe o la loro concentrazione fossero sostanzialmente inefficaci.
3° Le rigorose norme europee, in particolare l’art. 20 del regolamento cosmetico, imporrebbero che chi mette sul mercato un cosmetico vantando un effetto anti-rughe, ” non impieghi diciture, denominazioni, marchi, immagini o altri segni che attribuiscano ai prodotti caratteristiche o funzioni che non possiedono.” Quanto dichiarato per “fare pubblicità” per non essere ingannevole deve essere supportato da prove “dimostrabili, pertinenti e chiare”. Una norma “funziona” nella misura in cui è applicabile e visto l’attuale livello di controlli e sanzioni, il rispetto della norma europea sulla pubblicità cosmetica è ampiamente discrezionale.
I grandi gruppi della cosmesi, cioè quelli che hanno più da perdere , supportano i claims sui prodotti antirughe con test specifici. La maggioranza dei test sono test di autovalutazione , quindi non forniscono alcuna evidenza scientifica sulla effettiva efficacia del prodotto.
Nei test di autovalutazione poche decine di utilizzatrici, a volte le grandi marche possono vantarne anche centinaia, dichiara dopo l’utilizzo che vedono migliorata l’apparenza delle rughe. Il numero che nella pubblicità viene scritto in grande, es:

“85% di riduzione delle rughe”

, non si riferisce ad una misura o una percentuale della riduzione delle rughe , ma alla percentuale di utilizzatrici che dichiarano di percepire la riduzione o di apprezzare il prodotto. Quindi niente di scientifico e soprattutto nulla che possa garantire un qualche risultato.
Non si tratta necessariamente di test “taroccati”, con dati falsi. Effettivamente il consumatore può percepire un miglioramento, ma mancando una misura strumentale, affidabile e ripetibile, la percezione di efficacia del prodotto può dipendere da tanti fattori indipendenti dal numero, estensione e profondità delle rughe.

Una ricerca ha individuato come la presentazione del cosmetico, la sua immagine, il packaging, il posizionamento, influenzino la percezione di efficacia delle creme anti-rughe viso.

Non molto più affidabili i cosiddetti test clinici, dove il test e la valutazione avviene in un ambito clinico, quindi in genere con la supervisione di un professionista, non del tutto esente da conflitti d’interesse.
Senza procedure scientifiche , campione numericamente significativo, test con placebo, doppio cieco ecc.. e misure strumentali affidabili ( profilometria laser, misura della replica, ecc. ) è quasi impossibile dimostrare scientificamente una riduzione significativa delle rughe dovuta ad un prodotto cosmetico di largo consumo. Infatti praticamente nessuna grande marca cosmetica lo riesce a fare.
La maggioranza dei prodotti poi sostengono il loro claim anti-rughe semplicemente riferendosi alle ricerche e test eseguiti sulle materie prime, spesso in vitro. Ma una eventuale efficacia di uno o più ingredienti di un cosmetico non comporta necessariamente che il cosmetico sia efficace. Le linee guida dell’UE sulla pubblicità del cosmetico, diffidano chiaramente dal utilizzare questo espediente nella comunicazione.

L’invecchiamento cutaneo è un fenomeno multifattoriale che può essere contrastato a livello cosmetico ma dove non esistono rimedi definitivi.

Riassumendo la risposta a Nadia:
Non è chiaro cosa si intenda per efficacia cosmetica anti-rughe.
Se si intende prevenirle o ritardarne la formazione, molti cosmetici posso mostrare un risultato grazie alla azione idratante e soprattutto all’azione contrastante il fotoinvecchiamento.
Se si tratta di ridurne l’apparenza, molti cosmetici possono mostrare un risultato sia grazie all’azione idratante sia grazie ad un effetto ottico.
Se si tratta di ridurre fisicamente lunghezza e profondità delle rughe , pochi trattamenti cosmetici riescono a farlo e visto che in genere la loro efficacia è direttamente proporzionale al rischio di reazioni avverse, difficilmente questi trattamenti possono trovarsi in cosmetici formulati per il largo consumo.
In tutti questi casi i risultati , anche se ci sono , sono ben lontani da quello che farebbero intendere certe ingannevoli campagne pubblicitarie con foto “Prima e Dopo” che circolano.
Il rilassamento cutaneo, sagging, anche se collegato genericamente all’invecchiamento ed alle rughe, è un fenomeno con diversi meccanismi causali di cui esistono alcuni possibili rimedi cosmetici non necessariamente sovrapponibili ai rimedi anti-rughe.
In ogni caso finche non vengono prodotte misure affidabili e strumentali dell’efficacia in vivo dei rimedi cosmetici per contrastare le rughe ed il rilassamento cutaneo, il consumatore/consumatrice non ha alcuna possibilità di sapere prima se il cosmetico che intende comprare sarà efficace.
La presenza in etichetta di specifici principi attivi o la pubblicità di test di autovalutazione non garantisce il risultato.

Rodolfo Baraldini

pubblicato 9 febbraio 2014

[post_view]

I commenti, le testimonianze e le opinioni sono sempre graditi. I programmi anti-spam possono far si che il commento sia visibile nel blog solo dopo approvazione. Per inserire nei commenti un link, rimuovere http:// e www. I commenti con argomentazioni ad personam, promozionali o non pertinenti verranno cancellati. Non è questa la sede per supportare le proprie tifoserie, fedi o ideologie.

6 Commenti

  1. A proposito di creme miracolose, antirughe, ti segnalo questa, che hanno cercato di rifilarmi: http://www.adonia-athena-7-minute-lift.com/stemulift/italiano/
    Si tratta di una crema venduta con il sistema del multilevel marketing, alla modica cifra di 129€. Come vedrai, tramite questo link e una veloce ricerca con Google, ci sono centinaia di video e foto genere “prima & dopo”. Invece l’INCI completo non è riportato da nessuna parte, nemmeno sul sito del produttore (ammesso e non concesso, come sappiamo, che l’INCI possa darci tutte le informazioni utili a decretare la validità del prodotto) e su alcuni forum si dice non ci sia nemmeno sulla confezione… Possibile? Si limitano ad elencare 12 oli essenziali/estratti vegetali/ingredienti naturali (a seconda del sito). La fortuna di questo prodotto è data dal tipo di marketing scelto, ovvero basato sulle dimostrazioni anche dal vivo: ti spalmo per bene questa crema e dopo 7 minuti la pelle sembra più distesa e in effetti questo è l’effetto che si percepisce. Però mi dico, anche spalmarsi la faccia di albume d’uovo dà un effetto lifting incredibile e TEMPORANEO. Perché credo di questo si tratti: magari l’effetto lifting sul momento c’è, grazie a non si sa bene quale ingrediente cosmetico, che di certo non è uno degli olii essenziali, poi svanisce ma intanto gli hai mollato 129€, quindi continui ad usare la crema e ti autoconvinci che faccia ringiovanire la tua pelle (per bene che vada sarà una buona crema idratante e nulla più). Cosa ne pensi?
    Grazie e complimenti per il blog che purtroppo conosco da poco!

    • Non riesco proprio a commentare prodotti del genere. Per la tecnica di vendita e pubblicità, mi sono già espresso qui:
      http://www.nononsensecosmethic.org/?p=49624
      Visto lo stile molto simile, non mi stupirei se dietro ci fossero le stesse organizzazioni.

      • Grazie del link all’articolo, direi che è proprio questo il caso… Mi ricorda molto le “pillole dimagranti”.
        Non so se siano sempre le stesse organizzazioni, anche perché è pressoché impossibile capire dove e da chi il cosmetico venga prodotto, testato, etc. Io non comprerei mai un prodotto di provenienza oscura e di un marchio che fa di tutto per nascondere le informazioni che lo riguardano e le informazioni sul prodotto. Quello che mi dà sui nervi è che le persone che lo propongono sono le prime a scagliarsi contro le multinazionali dei cosmetici e i marchi da grande distribuzione perché “chissà cosa ci mettono dentro”. Ah beh.

  2. niente miracoli insomma, ma tanto marketing, grazie per la risposta

  3. Salve!! Sono un consulente della Jafra Cosmetics, azienda americana che opera nel settore della cura della pelle dal ’56. Sono diplomato in chimica e naturalmente mi piace e mi appassiona DA MORIRE questo sito. Complimenti!! Vorrei chiedere, a proposito degli Anti-rughe&Co, cosa ne pensate della linea Jafra PRO (sono prodotti cosmoceutici) realizzati insieme ad un noto chirurgo plastico, Randal Haworth. Io ho consigliato questi prodotti per via dei risultati sorprendentemente immediati riscontrati sulla mia cavia, mia madre. Già in pochi minuti si notano i primi risultati, mentre quelli più palesi nel giro di poche settimane!) e proprio per via del mio spirito scientifico ho fatto uno dei test più idioti che si potesse fare: far sospendere il trattamento per diversi giorni senza utilizzare alcun altro trattamento specifico e devo dire che il risultato è rimasto tale per tutti i giorni, cominciando a diminuire solo dopo 2 settimane di sospensione. Ho letto gli ingredienti e devo dire che confrontando quelli più “attivi” ho trovato una formulazione a mio parere ottima. La Jafra mescola due grandi approcci nelle formulazioni dei suoi prodotti per lo skin care: tecnologia e scienza ayurvedica. Gli ingredienti sono sintetizzati biotecnologicamente, ma come dicevo prima vorrei capire meglio cosa ne pensate della linea PRO ^_^ Grazie dell’attenzione!!! Buon lavoro!!

    • La linea Jafra, che come tante altre, punta sulla vendita diretta e non è particolarmente trasparente nella comunicazione al pubblico, infatti nel sito web non ho trovato in chiaro le liste ingredienti .

      Quindi la potrei valutare solo per l’immagine, il marketing e quello che raccontano.
      Visto che il cosmetico, come gli integratori alimentari, è un prodotto particolarmente adatto alla vendita diretta ed a organizzazioni di multilevel marketing ci sono casi di grandissimo successo con giri d’affari impressionanti. Nel multilevel marketing l’importante è non finire all’interno di strutture piramidali . In europa esistono leggi che tendono a evitare che le strutture vendita diretta celino uno “schema ponzi” ma il confine tra multilevel marketing e schemi piramidali è spesso incerto.
      Ricordo che l’art. 5 della legge 17 agosto 2005, n. 173 rende illegali organizzazioni che “configurano la possibilità di guadagno attraverso il puro e semplice reclutamento di altre persone” e l’articolo 6 vieta obblighi per il reclutato di corrispondere all’azienda somme di rilevante entità in assenza di una reale controprestazione al momento del reclutamento o per restare a far parte della struttura.
      Personalmente diffido dei marchi che reclutano forza vendita promettendo lauti e facili guadagni anche perché una volta esaurito il giro di parenti e conoscenti pochissimi venditori riescono effettivamente ad emergere.
      Jafra è controllata da Vorwerk che ritengo sia una delle più efficienti organizzazioni che hanno puntato sul multilevelmarketing.
      Buon lavoro.

Commenta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Choose a Rating