Scegliere il MIGLIOR cosmetico per BABY

Scegliere il MIGLIOR cosmetico per BABY

Prima di affrontare altri argomenti più tecnici che mi hanno chiesto di approfondire, ritengo giusto sintetizzare alcune indicazioni su come scegliere un cosmetico per BABY.

1° Il consumatore, per quanto sia consapevole e creda di capire qualcosa di un cosmetico leggendo l’etichetta, comunque si deve affidare ad un produttore o una marca cosmetica.
Il segmento del cosmetico per BABY è in forte crescita e rappresenta per molte marche una quota rilevante di fatturato. Hanno stimato che il giro d’affari dei cosmetici per Baby è molto superiore a quello dei prodotti riconosciuti dal Servizio Sanitario per uso pediatrico.

2° I cosmetici per BABY richiederebbero valutazioni del rischio specifiche, considerato anche che la principale motivazione di acquisto di un cosmetico reclamizzato come per BABY  per il consumatore è quasi sempre il desiderio di una maggiore sicurezza e compatibilità con pelli delicate e sensibili.

Ovviamente non esiste il cosmetico per BABY migliore in assoluto; ognuno ha aspettative diverse ed il consumatore che vuole il cosmetico con la confezione a righe rosse e nere lo preferirà , considerandolo migliore del prodotto a righe rosse e blu.


Qualsiasi cosa si applichi sulla pelle dei bambini provoca reazioni particolari perché la pelle dei bambini è diversa da quella degli adulti.

  1. È piu’ sottile.
  2. Produce meno sebo
  3. Produce meno sudore.
  4. Il rapporto peso/superficie e’ molto inferiore, quindi il potenziale tossico delle sostanze applicate per via topica e’ piu’ alto .
  5. Ha una maggiore densità di follicoli piliferi che possono facilitare l’ingresso degli ingredienti .
  6. È estremamente più reattiva ad una ampia gamma di prodotti.
  7. È meno pigmentata ( pigmentazione facoltativa).
  8. La texture è più fine e densa.
  9. Il pH è più alto ( nei neonati).
  10. Il contenuto di acqua nello strato corneo è più alto e sono maggiori velocità di assorbimento o rilascio dell’acqua con una conseguente maggiore TEWL.

Queste differenze, sono le principali che mi vengono in mente, si riassumono grossolanamente notando che la funzione barriera cutanea ed il sistema immunitario non sono maturi e si formano lentamente nel corso dei primi anni di vita.

Queste differenze tra la pelle dei baby e quella degli adulti sono maggiori quando minore è l’età.

L’offerta di cosmetici per baby in genere non distingue chiaramente le diverse fascie di età. Raramente il consumatore in un cosmetico reclamizzato per BABY può distinguere se è concepito per neonati ( approx: da 0 a 6 mesi) per infanti ( approx: da 6 mesi a 3 anni ) o per bambini ( approx fino a 12 anni ).

Il parametro “tossicologico” del rapporto tra peso e superficie corporea aumenta secondo Renwick :

  • 2.3 volte alla nascita,
  • 1.8 volte a 6 mesi,
  • 1.6 volte a 12 mesi,
  • 1.5 volte a 5 anni,
  • 1.3 volte a 10 anni.

Nonostante queste differenze tra adulti e baby , le linee guida e la normativa europea non dettano specifiche più cautelative nella formulazione di cosmetici destinati ai baby.

Inoltre nei cosmetici per BABY si deve considerare il rischio di ingestione o utilizzo improprio del cosmetico.  Difficile far capire ai BABY che il cosmetico non va mangiato e che le manine con cui se lo sono spalmato non vanno messe in bocca.

Eppure per l’SCCS, il comitato scientifico europeo, il margine di sicurezza pari a 100 normalmente utilizzato per considerare sicuro per gli adulti un ingrediente cosmetico, vale anche per i BABY.

Non tutti condividono questo approccio e anche la norma per alcune sostanze fissa restrizioni specifiche nella massima concentrazione legate all’età dell’utilizzatore.

Molto attuale la richiesta di valutare una riduzione delle massime concentrazioni ammesse per il PHENOXYETHANOL nei cosmetici per infanti.

Il Consiglio d’Europa, nel 2012, ha deliberato per maggiori restrizioni relative alla sicurezza dei cosmetici destinati agli infanti.

Risoluzione del Consiglio d'Europa: Sui criteri di sicurezza dei cosmetici destinati ad infanti

https://wcd.coe.int/ViewDoc.jsp?id=1920257

Resolution CM/ResAP(2012)1 on safety criteria for cosmetic products intended for infants
1 (Adopted by the Committee of Ministers on 14 March 2012 at the 1137th meeting of the Ministers’ Deputies)
The Committee of Ministers, in its composition restricted to the representatives of the States Parties to the Convention on the Elaboration of a European Pharmacopoeia
2 (“the Convention”), Recalling the Declaration and Action Plan adopted by the Third Summit of Heads of State and Government of the Council of Europe (Warsaw 16-17 May 2005) – Chapter III “Building a more humane and inclusive Europe”,
Article 1 “Ensuring social cohesion”, in particular laying down protection of health as a social human right and an essential condition for social cohesion and economic stability; Recalling Resolution Res(59)23 of 16 November 1959 extending the activities of the Council of Europe in the Social and Public Health field on the basis of a Partial Agreement, and Resolutions Res(96)34 and Res(96)35 of 2 October 1996 revising the rules of the Partial Agreement; Having regard to the decisions, taken by the Committee of Ministers at its meeting on 2 July 2008 (CM/Del/Dec(2008)1031/6.1), to dissolve the Partial Agreement in the Social and Public Health Field and to transfer activities related to cosmetics and food packaging to the European Directorate for the Quality of Medicines and HealthCare (EDQM) as of 1 January 2009, whereby the EDQM became responsible for developing harmonised approaches to ensure product quality and safety in the areas of cosmetic products and packaging materials for food and pharmaceutical products; Considering the efforts made over several years (under the former Council of Europe Partial Agreement in the Social and Public Health Field) to improve the safe use of cosmetics; Recalling Resolution ResAP(2005)4 on sun protection products to optimise consumer protection; Recalling Resolution ResAP(2006)1 on a vigilance system for undesirable effects of cosmetic products (“cosmetovigilance”); Recalling the Council of Europe Safety Survey on Active Ingredients used in Cosmetics (published in March 2008); Recalling the Council of Europe Publications on Plants in Cosmetics (Vol. I published in September 2002; Vol. II published in September 2001; Vol. III published in September 2006); Considering that a high level of health protection should be ensured for children; Considering the generally positive attitude towards baby products and their benefits with the resulting risk of excessive use beyond hygienic purposes, in terms of the number of products used as well as the quantity used of the individual products; Considering that cosmetic products may be ingested orally by infants due to specific behaviours including sucking and licking of hands, arms and feet; Considering also that various cosmetics of the “leave-on” type are applied several times every day and that their ingredients may accumulate over time and contribute to long-term toxicities that are difficult to assess; Recognising that infants are more sensitive to certain toxic effects of chemicals and, therefore, that special attention should be paid to the safety of cosmetic products that are intended to be used on them; Acknowledging that several organs and vital physiological functions undergo significant development during childhood; Being convinced that safety assessors and responsible persons for cosmetic products intended for infants will benefit from the specific recommendations laid down in a guidance document elaborated by the Committee of Experts on Cosmetic Products (P-SC-COS); Taking into account the valuable contribution made by the Scientific Committee on Consumer Safety (SCCS) through their notes of guidance for the testing of cosmetic ingredients and their safety evaluation,
3 Also taking into account Council Directive 76/768/EEC and Regulation (EC) No. 1223/2009 that lay down specific requirements for cosmetics for children under the age of three and that form the basis of the guidance document elaborated by the Committee of Experts on Cosmetic Products (P-SC-COS); Recommends to the governments of States Parties to the Conventionthat they adopt legislative and other measures aimed at reducing the health risks for infants, arising from exposure to cosmetic products and their ingredients, according to the principles set out in the appendix to this resolution. These recommendations shall not prevent governments from maintaining or adopting national measures that implement stricter rules and regulations.
Appendix to Resolution CM/ResAP(2012)1
   Article 1. Definitions Cosmetic product – a product that complies with the definition given in Regulation (EC) No. 1223/2009 of 30 November 2009 on cosmetic products. Cosmetic ingredient – any natural or synthetic substance or mixture that has been selected and intentionally added to the product composition. Infant – a child under the age of three years.
 Article 2. Scope The provisions of this resolution relate to all cosmetic products placed on the market in one or more States Parties to the Convention that are intended or can reasonably be expected to be applied to infants for cosmetic purposes.
 Article 3. General requirements 
3.1 A cosmetic product intended for use on infants should be safe for his or her health when it is being used under normal and foreseeable conditions, taking into consideration the physiological characteristics, application area and infant-specific behaviour that may increase exposure to certain substances or to their toxic effects. 
3.2 The product should comply with the basic requirements for cosmetic ingredients and finished cosmetic products, notably Regulation (EC) No. 1223/2009, and should follow the general principles stated in the Notes of Guidance for the Testing of Cosmetic Ingredients and their Safety Evaluation (SCCS).
3.3 The presentation of a cosmetic product intended for use on infants, and in particular its form, odour, colour, appearance, packaging, labelling, volume or size, should not endanger their health and safety due to confusion with food.
3.4 The cosmetic product should contain no more than a strict minimum number of ingredients;
the following substances (including impurities) should not be present:
- substances with carcinogenic or mutagenic properties or substances that are toxic for reproduction (CMR),
- substances with endocrine disrupting activity,
- substances that are candidates for inclusion in Annex XIV of Regulation (EC) No. 1907/2006 (REACH),
- substances that are potent allergens.
3.5 Substances used in replacement of the substances stated above should adhere to the same safety criteria described herein.
3.6 The unintended presence of impurities or traces thereof, originating from raw materials, packaging materials, manufacturing process or from chemical changes or interactions in the finished product should be assessed.
3.7 Preservatives should be used at the lowest efficient concentrations.
3.8 The maximum tolerable concentration indicated in the guidance document for certain ingredients such as terpenes should not be exceeded.
3.9 The container and packaging of the cosmetic product should provide appropriate protection to ensure physicochemical stability and avoid microbiological contamination during storage, distribution and use. The materials used should be inert and should not release any toxic substances into the product.
Article 4. Risk assessment
4.1 When assessing risk, the exposure scenario should account for long-term toxicity and, as far as possible, cumulative daily exposure to the same ingredients originating from different sources.
4.2 On the basis of the toxicological data or in the absence of sufficient data, additional uncertainty factors proportionate to the degree of potential risk should be applied if there is reasonable cause for assuming higher sensitivity of an infant to a given substance.
Article 5. Documentation
5.1 The specific safety assessment of cosmetic products for infants should be documented as required by Regulation (EC) No. 1223/2009 and made readily accessible to the competent authorities.
5.2 Sufficient data on the toxicity profile of each ingredient, notably data reported in scientific literature, should be documented.
Article 6. Labelling The instructions for use and general precautionary measures on the label should be sufficiently clear to ensure the safe use of the product and, in particular, to avoid any misuse.
Article 7. Guidance document To support the implementation of the provisions of this resolution, a guidance document has been prepared by the Committee of Experts on Cosmetic Products (P-SC-COS), approved by the Consumer Health Protection Committee (CD-P-SC) and is available from the European Directorate for the Quality of Medicines and HealthCare (EDQM), a directorate of the Council of Europe. This guidance document will be regularly updated.
1 In the resolution and the guidance document that supplements it, the term “infant” is used to mean all children under the age of three.
2 States concerned: Austria, Belgium, Bosnia and Herzegovina, Bulgaria, Croatia, Cyprus, Czech Republic, Denmark, Estonia, Finland, France, Germany, Greece, Hungary, Iceland, Ireland, Italy, Latvia, Lithuania, Luxembourg, Malta, Montenegro, Netherlands, Norway, Poland, Portugal, Romania, Serbia, Slovak Republic, Slovenia, Spain, Sweden, Switzerland, “the former Yugoslav Republic of Macedonia”, Turkey and United Kingdom.
3 The SCCS’s Notes of Guidance for the Testing of Cosmetic Ingredients and their Safety Evaluation, 7th revision, SCCS/1416/11 (2011).
Peccato che le delibere del Consiglio d’Europa non siano norme applicative e che si traducano sostanzialmente solo in una raccomandazione ai governi europei.

Quindi , allo stato attuale, nel regolamento cosmetico che chi mette un cosmetico sul mercato dovrebbe rispettare, non esiste uno specifico quadro normativo per i cosmetici per bambini.

I consumatori non penso sappiano  che un cosmetico per bambini è normato come un qualunque altro cosmetico. Il cosmetico viene messo sul mercato senza controlli della autorità sanitaria ed autorizzazioni preventive. La responsabilità della sua sicurezza è in capo alla persona responsabile che ha l’incarico di redigere, aggiornare e conservare

  • Documentazione Informativa
  • Relazione di Sicurezza
  • Valutazione di sicurezza

Come per tutti gli altri cosmetici il consumatore  si deve affidare alla serietà, competenza ed  onestà della marca/produttore/venditore ed al generico sistema di norme e controlli che regolano il cosmetico.

Alcune aziende possono adottare parametri di sicurezza molto più rigidi di quelli utilizzati per i cosmetici per adulti. Analisi della purezza delle materie prime, margini di sicurezza molto più alti di 100 per tutti gli ingredienti “discutibili”, test specifici in vivo ed in vitro del potenziale irritativo ecc…

Purtroppo queste scelte sono a discrezione della competenza e disponibilità del produttore e ogni marca all’interno delle norme può decidere di adottare politiche di qualità più o meno restrittive o precauzionarie.

Dermatologi e pediatri sono sempre più spesso chiamati a dare consigli se non a prescrivere/suggerire cosmetici per BABY e pur essendo professionalmente “lontani” dalla cosmetologia hanno cominciato a delineare quelle che possono essere considerate vere e proprie linee guida della cosmesi pediatrica.

Criteri per la scelta dei topici in età pediatrica -Gelmetti, CLEUP 2001-

  1. Le materie prime usate dovrebbero essere di elevata purezza
  2. Le materie prime ed il prodotto finito non dovrebbero essere allergizzanti
  3. Le materie prime ed il prodotto finito dovrebbero essere sicuri, sotto il profilo tossicologico , in caso di uso improprio.
  4. Il prodotto finito dovrebbe essere stabile
  5. Il prodotto finito non dovrebbe avere un odore sgradevole
  6. Il prodotto finito dovrebbe essere di facile applicabilità
  7. I profumi dovrebbero essere evitati
  8. I coloranti dovrebbero essere evitati
  9. I conservanti dovrebbero essere evitati
  10. In ogni caso sarebbe meglio usare topici i più semplici possibili.

Non mi basta che i prodotti si autoproclamino come delicati o per BABY.
Do per scontato, nonostante il livello di controlli sul mercato non mi sembri particolarmente alto, che il cosmetico sia stato concepito con un particolare occhio alla sua sicurezza visto il tipo di pelle su cui deve essere applicato.
Come consumatore anch’io  devo comunque affidarmi ad una marca ma ho criteri che posso utilizzare nel scegliere un cosmetico per BABY basandomi su ciò che può comunicare una marca anziché un’altra.

TRASPARENZA : sono portato a preferire, ma questo vale per tutti i cosmetici, non solo per quelli BABY, le marche che comunicano dettagliatamente, anche sul loro sito web: caratteristiche, qualità e avvertenze.
Più è accurata e affidabile la comunicazione, più posso immaginare che siano accurate le procedure interne di qualità e sicurezza.
Non è un requisito esclusivo, molte marche puntano sul loro prestigio e sulla immagine . Questo non significa che non abbiano prodotti sicuri e di qualità. Resta il fatto che io preferisco i prodotti che promuovono una scelta consapevole ed informata.


PRODOTTI SEMPLICI : è sempre difficile stimare il rapporto rischio-beneficio da quello che comunica il venditore, ma un cosmetico per BABY dovrebbe avere pochi fronzoli e contenere il minimo di ingredienti funzionali. Più è lunga la lista ingredienti, più è probabile che contenga ingredienti emozionali messi lì solo per vendere il cosmetico o ingredienti utili solo a migliorarne l’aspetto o la piacevolezza. Inoltre, più è lunga la lista ingredienti, più sono le variabili da considerare nella valutazione dei rischi. Alcuni ingredienti sono sistemi molto complessi composti da centinaia di sostanze diverse di cui è estremamente difficile valutare la purezza e conseguentemente la sicurezza. Anche per questa ragione non mi piacciono particolarmente gli oli essenziali nei cosmetici per BABY.  Anche il profumo è composto da decine se non centinaia di sostanze diverse. In un cosmetico per BABY il profumo è il tipico ingrediente in più,  salvo  rarissimi casi. Come ad esempio quando l’odore del cosmetico senza profumo è insopportabile. Tutti gli ingredienti destinati ad abbellire e rendere più vendibile il cosmetico, come i coloranti, dovrebbero essere minimizzati e preferibilmente eliminati.


CONSERVANTI, FILTRI SOLARI, COLORANTI NON ELENCATI NEGLI ALLEGATI O NON VALIDATI DAL SCCS. Conservanti, filtri solari e coloranti nel cosmetico sono gli unici ingredienti funzionali di cui esistono liste positive nel regolamento cosmetico. In sostanza , visto quanto sono più rilevanti per la sicurezza del prodotto e per la salute del suo utilizzatore, la commissione europea prima di inserire uno di questi ingredienti nelle liste di quelli ammessi , svolge accurate e imparziali valutazioni della loro sicurezza e delle condizioni in cui possono essere utilizzati. Questo non succede per tutti gli altri 18000 ingredienti cosmetici non elencati come ingredienti ammessi per quelle specifiche funzioni.

Se i produttori di ingredienti cosmetici spendono centinaia di migliaia di euro per ottenere la registrazione di questi ingredienti nelle liste dei conservati, filtri solari e coloranti “autorizzati” dal regolamento cosmetico c’è una ragione; solo i filtri solari, i conservanti ed i coloranti elencati nei rispettivi allegati sono ammessi per essere utilizzati con quella funzione.

Considero le valutazioni della sicurezza degli ingredienti inseriti nelle liste positive ( gli allegati IV, VI e VII del regolamento ) molto più affidabili ed imparziali di quelle fatte da un qualche produttore di materie prime o di cosmetici. Sintetizzando a titolo di esempio, visto l’approccio cautelativo che ritengo indispensabile in un cosmetico per baby,  non comprerei cosmetici baby conservati con estratto di lonicera, con filtri solari basati sulla pongamia o sull’orizanolo, o colorati con l’henna. Tutti ingredienti molto di moda, ma non elencati nel regolamento tra gli ingredienti ammessi per quella funzione.
Senza contare che  mi ispira diffidenza la comunicazione di chi , per vendere, parla di SENZA CONSERVANTI, e utilizza conservanti alternativi non registrati, SENZA FILTRI CHIMICI e utilizza filtri chimici di origine naturale o naturalmente identici, ma anche chi vanta il cosmetico BABY come SENZA PROFUMI per poi inserire in formula ingredienti profumanti .


DATA DI SCADENZA: la data di scadenza, comunque , anche superiore ai 30 mesi e con il PAO,  è un indicatore oltre che del fatto che il produttore è disposto ad accollarsi maggiori costi commerciali e di distribuzione senza spacciare per eterni i propri prodotti, del fatto che probabilmente sono stati minimizzati i conservanti.


ALLERGENI: non posso sapere a priori se e cosa può scatenare allergie in un BABY, ma a livello precauzionario posso evitare di esporre la sua pelle a sostanze che sono allergeni o apteni per una quota significativa della popolazione. La norma specifica di inserire in etichetta alcuni potenziali allergeni ed il consumatore può evitare di comprare il prodotto se li riconosce in etichetta. Ma nei cosmetici per BABY si dovrebbe valutare anche il rischio  di altri allergeni molto comuni: nickel, propoli, proteine vegetali e animali, che anche a livello minimo di impurezze possono portare a sensitizzazione.


TESTATO DERMATOLOGICAMENTE PER PELLI SENSIBILI: il cosmetico dovrebbe essere testato per la pelle dei baby più delicata e sensibile . Le aziende non sono obbligate a comunicare al consumatore se e quali test sono stati condotti. Un normale patch test su adulti non è rassicurante come test appositi per pelli sensibili ed altri test specifici. Alcune marche utilizzano la dizione “Testato dermatologicamente con supervisione pediatrica” che non è la stessa cosa , ma che è comunque preferibile al generico ” testato dermatologicamente”. La comunicazione su test appositi, condotti per verificare la compatibilità del prodotto con la pelle dei BABY permette al consumatore di non scervellarsi per capire dalla lista ingredienti se per caso non ci sono troppi ingredienti in grado di indebolire la barriera cutanea, sostanze con potenziale irritativo ecc.

 

Rodolfo Baraldini

pubblicato 14 agosto 2014

Articoli correlati:

Scegliere la MIGLIOR protezione solare.

Phenoxyethanol e cosmetici per baby

HAZARD : Allergie cosmetiche

ALLARME : OLIO ESSENZIALE DI LAVANDA

Gluten Free: è meglio senza Glutine o senza Plutonio ?

 

Riferimenti:

Giorgio Panin: Principi di Cosmesi Pediatrica

 [post_view]
[post_view time="week"]

I commenti, le testimonianze e le opinioni sono sempre graditi. I programmi anti-spam possono far si che il commento sia visibile nel blog solo dopo approvazione. Per inserire nei commenti un link, rimuovere http:// e www. I commenti con argomentazioni ad personam, promozionali o non pertinenti verranno cancellati. Non è questa la sede per supportare le proprie tifoserie, fedi o ideologie.

5 Commenti

  1. Ottimo articolo!
    Per trovare il pelo nell’uovo: il plurale di dermatologo è dermatologi ;-.)

    Ilaria

    • Grazie.
      Mi ostino a non utilizzare il correttore ortografico ed a ripetermi nei miei errori….

  2. Molto , molto interessante! Ho tenuto qualche mese fa una serata informativa sull’argomento e abbiamo toccato praticamente gli stessi argomenti, soprattutto per quanto riguarda i criteri di scelta da te indicati! Veramente un bell’articolo!

  3. Molto interessante, ma io aggiungerei tra i fattori di scelta anche la dimensione della marca.

    • La forza di una marca , in termini di stima, influenza ovviamente la scelta del consumatore. E’ altrettanto ovvio che più è grande l’azienda, più ha risorse che può investire in qualità e sicurezza. Inoltre ha più da perdere nel caso scoppiasse uno scandalo. Non ne ho parlato in quanto sono logiche “ovvie” da quando esiste un mercato e consumi massificati… non ne ho parlato anche perchè le grandi dimensioni di una azienda cosmetica non garantiscono che non possano accadere” incidenti”. Ricordo un ritiro volontario pochi anni fa in USA di un prodotto Aveeno per “sospetta” contaminazione batterica e nel blog ho riportato decine di casi di cosmetici di marche primarie, veri e propri colossi, dove l’assioma “azienda di grandi dimensioni=prodotti affidabili” veniva smentito. Il diffuso nanismo ed ingordigia imprenditoriale non sono buoni auspici, ma qualunque marca, indipendentemente dalle dimensioni può, volendo, fare meno compromessi sulla qualità e sicurezza dei cosmetici.

Commenta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Choose a Rating