Cosmetici che farebbero ricrescere i capelli: BUFALE vs. Ricerche.

Cosmetici che farebbero ricrescere i capelli: BUFALE vs. Ricerche.

La maggioranza dei venditori di olio di serpente (snake oil seller)¹  da quando esistono hanno sempre promosso rimedi miracolosi per problemi diffusi e comuni: la calvizie, l’impotenza,  ecc.. Quelli più farabutti, sfruttando la disperazione, si fanno pagare per rimedi miracolosi di malattie letali ed incurabili .

Dopo la scoperta del Viagra i presunti  rimedi per la calvizie e per “bruciare i grassi” sono rimasti i loro temi favoriti.

Visto che sull’argomento la ricerca scientifica ha fatto grandi progressi lo spazio per le BUFALE più improbabili si sta restringendo.

Dopo lo scandalo ed i provvedimenti sanzionatori presi contro la CRESCINA di LABO, è sorprendente come una grande marca, nello stesso canale (farmacie) proponga prodotti all’apparenza analoghi , almeno come target di consumo.

Il fatto è che da un mare di BUFALE stanno emergendo ricerche che dimostrerebbero che certi prodotti “qualcosa fanno”. Curioso come alcune ricerche si riconducano, molto alla lontana, ai meccanismi di azione del Viagra ed ai segnali di ipossia ( hypoxia ).

Dercos e STEMOXYDINE NEOGENIC il primo trattamento di rinnovamento capillare

Tratto dal sito: http://www.vichy.it/capelli/neogenic-trattamento-di-rinnovamento-capillare-dercos/p5734.aspx

Commenti e note personali in Rosso

DERCOS NEOGENIC Trattamento di rinnovamento capillare

[ ALLA STEMOXYDINE 5% - molecola brevettata ]

La vita di un capello segue un ciclo ben definito: cresce, si stabilizza, cade. Tra due cicli, il bulbo può entrare in una fase di assopimento. È una sorta di ibernazione durante la quale il bulbo sospende la sua attività e rimane vuoto. Più questa fase dura a lungo, più il numero di bulbi vuoti aumenta. La capigliatura s’impoverisce, il cuoio capelluto diventa visibile.

INNOVAZIONE BREVETTATA:

LA STEMOXYDINE NEOGENIC è il 1° trattamento di rinnovamento capillare alla Stemoxydine 5%.

1 flacone monodose al giorno per 3 mesi.


La comunicazione è prudente, senza gli eccessi della supercazzola scientifica, nonostante il prodotto abbia nel nome e nel principio attivo riferimenti alle cellule staminali (in inglese stem) ed a una poco documentata  ”fase NEOGEN ” del capello.

La “storia” che raccontano non è molto chiara, visto che fa riferimento ad una fase di “assopimento”, “ibernazione” del capello che sarebbe causa del diradamento (kenogen), ma non dicono in che modo e perchè l’applicazione del prodotto contrasterebbe questa fase.

 

Mancano riferimenti clinici o numerici ai risultati, cioè frasi tipo “riduzione della caduta pari al 10%” o “rinfoltimento pari al 5%” anche se nei poster che espongono in farmacia si parla esplicitamente di “ridensifica la capigliatura in 90 giorni” . Questo confermerebbe una comunicazione più prudente e corretta , anche alla luce delle sanzioni e provvedimenti contro le campagne pubblicitarie di un’altro prodotto anti-caduta l’aminexil di cui ho parlato qui  . 

Nonostante la sanzione di 200000€ comminata dall’AGCM, nei poster esposti in alcune farmacie compare ancora la stessa campagna sanzionata dell’aminexil e sul NEOGENIC all’estero viene citato un risultato numerico non facilmente interpretabile per il consumatore

“Les bulbes en dormance se réveillentLa densité capillaire augmente :En moyenne, 1 700 nouveaux cheveux en 90 jours*
*Etude clinique vs placebo sur 101 sujets – Valeur moyenne pour une chevelure alopécique”
1700 nuovi capelli su quanti ?
in che area ?
1700 nuovi capelli in teste già completamente calve ?

http://www.vichy.fr/cheveux/neogenic-traitement-quotidien-de-renaissance-capillaire-dercos/p6141.aspx

http://www.vichy.it/capelli/aminexil-pro-dercos/p2457.aspx

 

La ricerca L'Oreal sulla STEMOXYDINE

Commenti e note personali in Rosso

Hypoxia, human hair follicle stem cells’ niche and alopecia

Il poster presentato al Sesto corso internazionale di Dermatologia estetica e Cosmetica di Siviglia , aprile 2013

 Dr. Bruno A. Bernard

All hair follicles undergo a succession of different phases including a growth phase (anagen), a degradation phase (catagen), a resting phase (telogen) and a neomorphogenetic phase (neogen).

It was recently proposed that the hair follicle was a bistable organ, transiting from active steady state to dormant state under a stochastic way (B.A.Bernard, Exp.Dermatol.2012, 21:401-3). Of particular interest is the telogen phase, which includes a latency period called kenogen (A.Rebora & M.Guarrera, Dermatol. 2002, 205:108-10) during which the follicle remains empty after the hair shaft has been lost. Kenogen follicles thus appear as a potential reservoir for increased hair density. Neogen phase is also a key phase, during which all hair follicle compartments are regenerated from local reservoirs of stem cells. Both functional and immunohistological studies (CD29, K19) suggested the existence of at least two pools of pluripotent cells, one located in the upper ORS, the other one in the lower ORS of human hair follicle (S.Commo et al, Differentiation 2000, 66:157-64). The upper and lower reservoirs of K19+ cells are not identical, however, and can be distinguished by their differential expression of stem-cell associated markers K15 and CD200, more highly expressed in the upper reservoir, and CD271, CD29 and CD34 which appear more specific for the lower reservoir. This differential epitope mapping was not restricted to the ORS as the connective tissue sheath (CTS) in conjunction with these two reservoirs also harbors distinct compartments identified by differential chondroitin- and heparin-sulfate epitopes (S.Malgouries et al., Br.J.Dermatol. 2008, 158: 234-42).

Considering the essential role of the stem cell niche in stem cell maintenance and function, we further studied micro-environmental factors that may influence human hair follicle stem cell reservoirs. Two biological markers expressed by the putative stem cell reservoirs, namely K19 and CD271, have been described as being hypoxia-induced genes. Considering that hypoxia appears to be a feature of both embryonic and adult stem cell niches  we decided to further study the expression of two highly sensitive markers of hypoxia, namely carbonic anhydrase IX (CA IX) and glucose transporter 1 (GLUT1). ACIX and GLUT-1 expression is restricted to the lower ORS of anagen human hair follicle (B.A.Bernard et al., Ann. Dermatol.Venereol. 2013, 140:5-8; M.Rathman-Josserand et al., J.Invest.Dermatol. 2013, in press). Furthermore, double immune-fluorescence staining demonstrated that a subset of ACIX+ cells is indeed positive for K19  as well as CD34. This particular finding is of interest given that CD34hi cells were recently found to be depleted in bald scalps (L.A.Garza et al., J.Clin.Invest. 2011, 121:613-622). These results also highlight the fact that the upper CD200+ and lower CD34+ stem cell reservoirs of human hair follicle are subjected to very different microenvironments with only the latter bathing in a hypoxic environment. Altogether, we believe that the human hair follicle harbors two epithelial stem cell compartments that share a certain number of biological markers but that can be also distinguished by the differential expression of certain proteins on the one hand, and their niche-microenvironment on the other hand. Although the respective role of these two reservoirs has not been established in humans, the fact that the pool of CD34+ cells decreases in androgenetic alopecia (L.A.Garza et al., J.Clin.Invest. 2011, 121:613-622) strongly suggests that the lower reservoir is somehow involved in the control of hair cycle, and more specifically in hair regrowth, according to the hair follicle predetermination model (A.A.Panteleyev et al., J.Cell Sci. 2001, 114:3419-3431). Alternatively, the lower reservoir could represent a “primitive” stem cell population able to give rise to all hair follicle epithelial cells (V.Jaks et al., Nat.Genet. 2008, 40:1291-1299) and/or act as a signaling center in the telogen follicle stem cell niche, imposing a prolonged cross-talk between hair follicle stem cells and DP (Y.C.Hsu et al., Cell 2011, 144:92-105) and thus facilitating the neogen phase to proceed in an optimized fashion. Protecting this lower reservoir by maintaining the hypoxic signaling might thus appear as a new approach to sustain hair growth and cycling.

To investigate the potential impact of hypoxia on hair follicle stem and early progenitor cell populations, we measured the colony forming efficiency (CFE) of keratinocytes derived from the Outer Root Sheath (ORS) of human follicles, cultured under normoxic or hypoxic conditions. Although the absolute number of clones was not statistically different for the two conditions, cell density and differentiation were reduced under hypoxic culturing conditions, suggesting maintenance of cell immaturity. Based on these results, we hypothesized that induction of hypoxia signaling may be important in maintaining hair follicle stem cell functionality. Hypoxia signaling is mediated by the hypoxia-inducible transcription factor HIF1, the  subunit of which is degraded in an oxygen-dependent manner through prolyl-4-hydroxylase (P4H)-mediated hydroxylation. A potent P4H competitive inhibitor, named Stemoxydine, was tested for its ability to induce hypoxia-like signaling. Transcriptomic studies show that in vitro treatment of hair follicles with Stemoxydine in normoxic conditions modifies the expression of a panel of genes in the same manner as culturing under hypoxic conditions. In addition, when ORS-derived hair follicle cells were grown in normoxic conditions with Stemoxydine, CFE and clone morphology were similar to those observed in hypoxic conditions. These results suggested that hypoxia may be an important regulator of stem/progenitor cells function in the human hair follicle. We hypothesized that molecules that mimicked hypoxic signaling, such as Stemoxydine®, may figure as new approach to sustain hair growth and cycling. Dr.P.Reygagne (Centre Sabouraud, Saint-Louis hospital, Paris, France) performed double blind clinical studies versus placebo which indeed demonstrated that a 5% Stemoxydine® treatment for 3 months resulted in a significant increase of visible hair density (+4% vs placebo).

 

Bruno A. Bernard
L’Oréal Fellow, 
Head of Hair Biology Research Group, L’Oréal Life Sciences
Education:
Master of Sciences (Animal Biology), Paris VI University, 1974
Master of Sciences (Biochemistry), Paris VI University, 1975
D.E.A. Embryology, Paris VI University, 1976
Doctor in Animal Biology, Paris VI University, 1980
Doctor es Sciences, Nice University, 1985
Awards:
Recipient of Philippe Foundation fellowship, New York, 1981
Recipient of Research Award 1990, from the “European Federation of Pharmaceutical Industries  Associations” (EFPIA)
Professional Record:
1976-1981: Teaching Assistant, Biochemistry, Faculty of Medicine, Paris
1981-1983: Guest-Worker at NCI, NIH, Molecular Biology Laboratory (Dr.K.M.Yamada)
1981-1983: Staff Investigator, Howard University Cancer Center, Washington D.C. (Dr.K.Olden)
1983-1987: Senior Investigator, CIRD, Sophia-Antipolis, France
1987-1989: Head of Virology Research Unit, CIRD, Sophia-Antipolis, France
1989-1992: Head of Molecular Pharmacology Research Unit, CIRD, Sophia-Antipolis, France
1992-2010: Head of Hair Biology Research Group, L’OREAL, Clichy, France
2011: L’Oreal Fellow
Memberships:
Society for Investigative Dermatology
European Hair Research Society
Reviewer for:
Experimental Dermatology (member of the editorial board), British Journal of Dermatology
Journal of Investigative Dermatology, International Journal of Cosmetic Science, Cell Death & Differentiation, Differentiation, PLoS one.
Publications and patents 
More than 160 peer-reviewed publications; more than 40 patents

Questa sintesi raccoglie le conclusioni di quasi una decina d’anni di ricerche e pubblicazioni scientifiche. Mi fa piacere che si evidenzi la scoperta di alcuni ricercatori italiani della fase KENOGEN che per anni è stata poco considerata nonostante le sue potenziali implicazioni nello studio sia dei meccanismi di riduzione della perdita di capelli sia nei meccanismi di epilazione o fotoepilazione permanente.

Molte ricerche sulle staminali hanno già verificato come il microambiente che favorisce la quiescenza delle cellule staminali multipotenziali sia caratterizzato da un basso tasso di ossigeno, ipossia.

Bisogna notare che l’ipossia è considerata normalmente causa della perdita di capelli e che molti rimedi , più o meno efficaci, mirano ad aumentare l’irrorazione sanguigna ed il metabolismo  nell’area del follicolo.

Il gruppo di ricerca de L’Oreal si riferisce a 2 aree distinte di cellule staminali, quella del bulge e quella nel fondo del follicolo e ipotizza che la  Stemoxydine regoli il segnale di ipossia . La tesi delle 2 riserve di staminali distinte è in contrasto con l’ipotesi scientifica precedente che descriveva una migrazione delle staminali dal bulge al fondo del follicolo.

Nonostante la complessità della ricerca non vengono chiariti gli eventuali meccanismi causali e percorsi biochimici che comporterebbero una uscita dalla fase kenogen del capello è l’unica conclusione empirica si riconduce al test il vivo con un aumento della densità dei capelli dell’ordine del 4% su un campione limitato di volontari.

L’Oreal non specifica se il risultato è temporaneo e quanto  eventualmente permane nel tempo.

Si tratta quindi di una ipotesi di lavoro affascinante con un buon razionale scientifico , ma senza evidenze di una effettiva funzionalità per tutti ed in tutte le condizioni.

Cosa è e come agirebbe la Stemoxydine®

L’INCI ufficiale con cui viene identificata la sostanza è DIETHYLLUTIDINATE.  Si tratterebbe di  diethyl pyridine-2,4-dicarboxylate, quindi esteri dell’acido piridinedicarbossilico o suoi sali, di cui erano note da tempo le interferenze con sintesi e metabolisno del collagene. Nonostante la somiglianza con i più famosi ossidi di pirimidine venduti come anticalvizie o anticadute ( diaminopyrimidine oxide  = AMINEXIL e Piperidin-1-ylpyrimidine-2,4-diamine 3-oxide  = MINOXIDIL ),- agirebbe in modo sostanzialmente diverso.

L’ipotesi è che gli acidi piridinedicarbossilati interferiscano con i segnali dell’ipossia. In sostanza farebbero credere che ci sia una carente irrorazione di ossigeno, in modo che si attivino i meccanismi di mantenimento in stato indifferenziato delle cellule staminali del tratto inferiore del follicolo. Molti studi hanno cercato di individuare i segnali biochimici che intervengono nelle diverse fasi del ciclo vita del capello. Al momento le conoscenze sui meccanismi di differenziazione e proliferazione cellulare sono parziali.

Perché i brizzolati non diventano calvi?Pensiero ZEN 12di101

La risposta più intrigante è che anche chi incanutisce diventa calvo, ma quando è calvo non lo si vede. In realtà nel ciclo vita del capello ci sono ancora molti fattori e relazioni non compresi. Tra questi anche quello tra crescita del capello e incanutimento, che in qualche modo potrebbe essere connesso al perossido di ossigeno.

Concludendo: a parte i rimedi farmacologici riconosciuti , minoxidil, finasteride ecc.., non esistono rimedi cosmetici per la calvizie e la perdita/diradamento dei capelli. Nuove sostanze e nuovi meccanismi d’azione fanno ben sperare per il futuro anche se i risultati attuali sono molto parziali.

Una volta individuata la giusta sostanza, si deve anche riuscire a farla arrivare nei tessuti dove serve e quando serve. Di molte di queste sostanze che mostrano una qualche efficacia, come l’interessante acido valproico e gli analogi delle prostaglandine, si devono anche considerare controindicazioni ed effetti indesiderati rilevanti.

La eventuale e limitata efficacia cosmetica è dose-dipendente ed i tessuti bersaglio devono essere esposti a queste sostanze con tempi e concentrazioni adeguate.

Per questo, eventuali shampoo, reclamizzati come anti-caduta perché dichiarano di contenere questo tipo di sostanze, sono per lo più una colossale presa in giro.

¹ Snake oil seller, in USA , venditore di olio di serpente , cioè: ciarlatano. http://www.nononsensecosmethic.org/?p=40375

Rodolfo Baraldini

pubblicato 25 gennaio 2014

Riferimenti:

Quiescent stem cells in the niche

http://www.nononsensecosmethic.org/?p=36013

(38936)
I commenti, le testimonianze e le opinioni sono sempre graditi. I programmi anti-spam possono far si che il commento sia visibile nel blog solo dopo approvazione. Per inserire nei commenti un link, rimuovere http:// e www. I commenti con argomentazioni ad personam, promozionali o non pertinenti verranno cancellati. Non è questa la sede per supportare le proprie tifoserie, fedi o ideologie.

15 Commenti

  1. I BRIZZOLATI NON DIVENTANO CALVI? Ma chi mette in giro queste ridicole leggende? Ho tantissimi amici e parenti calvi, i pochi capelli rimasti (a coroncina) sono tutti brizzolati o bianchi, a patto che non siano stati rasati per scelta personale. E’ ovvio che una persona di 50 anni che ha perso i capelli, anche lui li avrebbe brizzolati ma non li vedete perchè son caduti. Che i brizzolati non perdono i capelli nasce da una stupida confusione, ovvero quando vediamo un uomo maturo di età, che per sua fortuna ereditaria non ha perso i capelli, lo vediamo con i capelli brizzolati semplicemente perchè ha un età avanzata! E da qui nasce la convinzione erronea che quell’uomo non avrebbe perso i capelli e perchè sarebbe brizzolato!

  2. Un buon aiuto per ridurre la caduta è dato anche dall’idrocortisone butirrato. Concordo al 100% con la conclusione che solo minoxidil e finasteride hanno dato risultati per la cura dell’alopecia androgenetica. Bisogna affidarsi a un bravo, anzi bravissimo dermatologo che abbia la voglia e la pazienza di fare tutti gli accertamenti del caso.

  3. Grazie per i vari articoli sull’argomento.
    Un prodotto molto reclamizzato su internet come Follix è quindi da confiderarsi una bufala? Io sto provando Minoxidil ma le conseguenze sono veramente drammatiche, mi sta facendo cadere una marea di capelli e non vedo per ora nessun giovamento. Poi è vero che è anche un periodo di stress in cui mangio poco e male però insomma comincio a chiedermi se sia una buona idea quella di continuare con questo trattamento.

    • Mi permetto di risponderti: il minoxidil all’inizio fa aumentare la caduta è normale perché accelera le fasi follicolari, per questo causa caduta indotta.

    • Non conosco il Follix. In rete ho trovato vari siti con stile di comunicazione decisamente poco affidabile e convincente che parlano del Follixin, un integratore di qualcosa che non dichiarano, approvato da misteriosi medici su riviste scientifiche che non si trovano…. che dire, visto che con quel format propongono la pillola per perdere 10 kg in 20 giorni o quella per far crescere il seno di 2 taglie, non stupirti se non mi ci affiderei neanche se fossero gratis.

  4. sono più di dieci anni che giro per forum sulla perdita di capelli e la musica è sempre la stessa… “funziona solo minoxidil e finasteride”… “questo è un farmaco quindi è buono, quell’altro è un cosmetico quindi è acqua fresca”… ma non vi viene qualche dubbio? quanti soldi stanno facendo le case farmaceutiche con minoxidil e finasteride? cercate l’immagine della struttura dell’aminexil su google e confrontatela con quella del minoxidil, l’aminexil è un cosmetico solo perchè ha un anello in meno? Quindi non ha effetti collaterali, non è attivo? O forse è stato bollato dalla FDA come cosmetico in modo che Vichy non interferisse con il mercato del minoxidil? E dell’abitudine di postare 3-4 articoli da Pubmed e dire “questo funziona perchè ci sono articoli scientifici…” come se gli articoli scientifici fossero scritti da dio in terra? Oppure smontare un cosmetico solo perchè “non ci sono sufficienti studi scientifici”…”non hanno spiegato bene il meccanismo…non è chiaro il meccanismo d’azione molecolare”… caro Rodolfo è apprezzabile la tua divulgazione, ma ti aspetti un po’ troppo dalla sperimentazione, forse non ti rendi conto quanto può essere difficile trovare quale sia un meccanismo d’azione o gli effetti generali che una sostanza può avere a livello cellulare. Per molti farmaci sul mercato da decenni non è stato ancora ben compreso. Alcuni farmaci vengono ritirati dal mercato dopo decenni, eppure ci sono tanti studi scientifici sulla loro efficacia. Insomma questo per dire..fiducia nella scienza ok, ma rimaniamo sempre consapevoli dei suoi limiti, e ve lo dice uno che lavora nel campo della ricerca. E vi parla anche uno che perde capelli e sta provando vari prodotti da decenni. Su di me minoxidil, utilizzato da circa 12 anni, ha fatto crescere solo vellus, mai diventati capelli veri e propri. Aminexil invece mi ha alquanto stupito per la capacità di inspessirli, e mi sto pentendo di non aver cominciato ad usarlo prima, avrebbe potuto impedire la miniaturizzazione dei follicoli………vi consiglio di provarlo per almeno 6 mesi…lasciate perdere l’etichetta “cosmetico”…”farmaco”, cercate meno cavilli negli articoli scientifici e testate su di voi i prodotti. Ora sto per testare le Stemoxydine, senza pormi il problema di quali cellule staminali siano coinvolte.

    • grazie per la testimonianza ed i commenti.
      non credevo nel mio pezzo di aver cavalcato la tesi del:” se è un cosmetico è acqua fresca”, anche perché in antitesi con la mia idea di “nemesi cosmetica”.
      ho riportato con un certo dettaglio le ricerche scientifiche a monte di certi cosmetici e mi sono permesso di commentarle.
      Non ho sconsigliato il prodotto.
      Sono convinto che la risposta soggettiva ad un trattamento, anche la tua, se non si comprendono i meccanismi causali, e nei sistemi complessi non sempre è possibile, non permette di consigliare o sconsigliare qualcosa..
      Ritengo giusto far sapere che ti ha dato soddisfazioni, che lo ricompreresti ecc.. ma sbagliato promuoverlo creando l’aspettativa di analoghe soddisfazioni in altri che potrebbero restare molto delusi.
      non condivido il tuo approccio ” provate comunque” e preferisco alla grande un consumerismo “consapevole”. Baudrillard parlerebbe di “intelligenza del desidero” :)

      • Un consumatore quando acquista un prodotto per i capelli sa già benissimo che potrebbe non funzionare, tutta questa premura di assicurarsi di non creare troppe aspettative non la capisco, secondo me è peggio lasciarsi convincere all’acquisto da un mazzo di articoli scientifici e poi scoprire che su di me non funziona,quindi, il mio incoraggiamento a provare, come dice la parola stessa, è semplicemente un test da cui non aspettarsi troppo…mentre il consumismo consapevole,consapevole di cosa non si sa,crea sì inutili aspettative visto che ci si lascia guidare da articoli scientifici che tentano invano di spiegare un meccanismo molecolare troppo complesso, come dici anche tu, insomma…personalmente trovo inutile aspettare che esca un articolo scientifico convincente prima di provare un prodotto, e la prova che io incoraggio sottintende sempre uno scetticismo di fondo.

      • vedendo cosa viene proposto in giro come rimedio per la calvizie non credo che neppure tu abbia comunque prima provato tutto ciò che veniva proposto …. comunque il consumatore si deve affidare ad un venditore , che si affidi perché da credito alle dimensioni della marca, che si affidi perché ha valutato le ricerche scientifiche o che si affidi perchè la confezione è bella, in nuce il meccanismo che spinge all’acquisto non cambia gran chè. io comunque preferirei che si affidasse dopo aver acquisito informazioni pertinenti sulla affidabilità.

    • Ciao, ho letto il tuo commento in merito all’ispessimento che hai ottenuto con la molecola aminexil… sono mesi che sono tentato di prenderla anche io .. (premetto che non ho mai usato mnoxidil e non voglio nemmeno usarlo).. e conosco l’effetto beneifico teorico che può avere aminexil… adesso sto provando anche io da 2 mesi la stemoxidina al 5% della fructis rigenera forza.. ha un basso prezzo ho deciso di provarlo per 3 mesi…. che mi dici su aminexil? me lo consiglieresti anche io ho difficoltà ad acquistarlo per i soliti commenti: è un £comsmetico è acqua fresca…”… grazie in anticipo.

      Michele.

      • Io ho iniziato aminexil quando ormai era troppo tardi, adesso ho un forte diradamento, ma dopo un anno di aminexil i pochi capelli che ho si sono inspessiti vistosamente. Ora sono passati 2 anni di aminexil continuo, e lentissimamente altri capelli si sono inspessiti. A occhio vedo una ventina di capelli che addirittura sembrano peli di barba. Ci vuole almeno un anno per tirare le somme con aminexil secondo me. Consiglio di prendere quello in boccette da 6ml. Credo che sia stato confezionato così perchè la molecola è altamente instabile, quindi una confezione grande aperta per mesi porterebbe il principio attivo ad alterarsi…è solo un’ipotesi ci vorrebbe un chimico…
        Altri consigli che mi sento di dare, evitare anche il minimo principio di infiammazione, ossia, se vedete che un prodotto vi fa comparire arrossamenti, bollicine ecc… mollatelo, noi con alopecia abbiamo i follicoli troppo delicati, dobbiamo evitare loro anche solo il minimo stress. Vitamina e, ed anche msm mi sento di consigliare.

  5. Complimenti per il sito. Mi associo alla richiesta di Vittorio, potreste illustrare se ci sono trattamenti per l’alopecia che fanno qualcosa ?

    • Ritardo dovuto anche alle dimensioni dell’argomento, intanto ho postato qualcosa di correlato..sugli analoghi delle prostaglandine che farebbere crescere di più le ciglia..

      http://www.nononsensecosmethic.org/?p=58003

  6. potresti descrivere quali sono i migliori trattamenti per la ricrescita dei capelli, parlando anche di quelli per uso professionale ? Funziona il laser ? Grazie

    • Ritardo dovuto anche alle dimensioni dell’argomento, intanto ho postato qualcosa di correlato..sugli analoghi delle prostaglandine che farebbere crescere di più le ciglia..

Commenta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Choose a Rating