Conservanti eco-bio: Leuconostoc/Radish Root Ferment Filtrate

Conservanti eco-bio: Leuconostoc/Radish Root Ferment Filtrate

Analisi del Leuconostoc Radish Root Fltrates individuano la presenza di antimicrobici non di origine vegetale

Da anni il mercato delle materie prime cosmetiche offre ingredienti di origine vegetale come alternativa ai più comuni ed affidabili conservanti.

Si tratta di una offerta inesauribile per placare la sete di chi crede che un cosmetico con scritto ad esempio GRAPEFRUIT SEED EXTRACT sia più sicuro o “sano” o eco-bio di un cosmetico con scritto  SALYCILIC ACID.

Tra i più recenti arrivi venduti come ”conservanti eco-bio” abbiamo il Leuconostoc/Radish Root Ferment Filtrate .

Come già con altri conservanti alternativi sorge legittimo qualche dubbio leggendo le informazioni tecniche a supporto della vendita di questi ingredienti cosmetici . In particolare manca, come accade spesso nel segmento green, una esplicita analisi di cosa effettivamente contengono. Il tutto è mascherato di solito dietro la generica definizione di EXTRACT o FILTRATE di una qualche pianta.

I vari scandali che in passato hanno coinvolto ingredienti cosmetici spacciati per conservanti alternativi che si sono rivelati taroccati stimolano una inevitabile diffidenza.

Forse per questo ogni tanto qualcuno, non commissionato dal venditore,  va a controllare cosa c’è davvero dentro a questi ingredienti.

Una recente analisi di due lotti di prodotti acquistati sul mercato USA , il Leucidal Liquid della AMT ed il Raphanus Sativus (daikon/winter radish) fornito dalla Planet Organic Market, ha individuato la presenza di acido salicilico e di sali di ammonio quaternario , in particolare didecyldimethylammonium .
Entrambi risulterebbero non essere frutto della fermentazione della radice del ravanello e dalla datazione del carbonio paiono di origine minerale ( petrolifera ). Sarebbero quindi conservanti “sintetici” contaminanti o aggiunti. Da notare che i conservanti cationici sono tipicamente incompatibili con sistemi emulsionanti anionici e questo potrebbe spiegare le performaces variabili che ha riscontrato chi ha utilizzato il Leucidal Liquid come unico conservante in alcune formulazioni cosmetiche.
La ricerca conclude che i peptidi e polipeptidi a cui varie ricerche attribuivano l’efficacia antimicrobica dell’estratto di ravanello, nei prodotti testati proprio non ci sono.

Peccato, per l’ennesima volta il formulatore cosmetico ed il consumatore sono portati a diffidare delle informazioni che vengono fornite per vendere un cosmetico o un suo ingrediente.

Molte ricerche scientifiche indipendenti hanno individuato negli estratti di ravanello una significativa azione antimicrobica, il fatto che  in alcuni lotti di ingredienti commercializzati come antimicrobici “naturali” estratti dal ravanello si trovino antimicrobici di origine non vegetale non può che far pensare male.

Rodolfo Baraldini

pubblicato 18 marzo 2015

Articoli Correlati:

La Surprise Chain Cosmetica

LA BUFALA: dei conservanti naturali.

Conservare con l’estratto di Lonicera

Cosmetici senza conservanti ?

Riferimenti:

Identifcation of Didecyldimethylammonium Salts and Salicylic Acid as Antimicrobial Compounds in Commercial Fermented Radish Kimchi

Antibacterial Activity of Raphanus Sativus Linn. Seed Extract

Raphanin, an Antibacterial Principle of the Radish (Raphanus sativus)

Effect of Ethanol Extract of Radish (Raphanus sativus L.) Seeds and Lactobacillus acidophilus on Enteropathogenic Escherichia coli in vitro and in vivo.

ANTIMICROBIAL EFFICACY OF RAPHANUS SATIVUS ROOT JUICE

ANTIMICROBIAL POTENTIAL OF SEED EXTRACT OF RAPHANUS SATIVUS

Phytochemical analysis and in vitro antibacterial activity of root peel extract of Raphanus sativus L. var niger

I commenti, le testimonianze e le opinioni sono sempre graditi. I programmi anti-spam possono far si che il commento sia visibile nel blog solo dopo approvazione. Per inserire nei commenti un link, rimuovere http:// e www. I commenti con argomentazioni ad personam, promozionali o non pertinenti verranno cancellati. Non è questa la sede per supportare le proprie tifoserie, fedi o ideologie.

Commenta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Choose a Rating