Protezione solare da bere? Acqua Bufalizzata , chissà se bevuta protegge il fegato dalle radiazioni UV ?

Protezione solare da bere? Acqua Bufalizzata , chissà se bevuta protegge il fegato dalle radiazioni UV ?

Stavo per perdermi una perla tra le tante bufale cosmetiche. Ringrazio Luisa Fornasiero che me l’ha segnalata ed i giornalisti italiani che l’hanno pubblicizzata.

http://www.cadoinpiedi.it/…/la_crema_solare_ora_si_beve…

Si tratta di Acqua Armonizzata che se bevuta Neutralizza gli UV. “ Una volta ingerito il prodotto, le molecole liquide di cui è composto vibrerebbero sulla pelle, riuscendo a schermare, secondo la società statunitense produttrice Osmosis Skincare, il 97% delle radiazioni. ”

Troppo divertente, mi sono andato a cercare il sito:

http://www.osmosisskincare.com/HarmonizedWater-UV.aspx

Ammetto che mi muoveva non solo la curiosità.
Non sono per nulla coinvolto dall’ondata di becero nazionalismo che attraversa l’Europa, ma mi sarebbe piaciuto trovare all’estero qualche ciarlatano , più ciarlatano del tipico cioccapiatti italico.

Forse ci siamo.

Nel sito della UV Protection Water raccontano:

“is an ideal form of sun protection because it promotes tanning and is broad spectrum. If 2 mls are ingested an hour before sun exposure, the frequencies that have been imprinted on water will vibrate on your skin in such a way as to cancel approximately 97% of the UVA and UVB rays before they even hit your skin. This results in coverage for approximately three hours. This is similar to the amount of UV reflection created by SPF 30 titanium/zinc sunblocks but distinctly better than UVB chemical sunscreens which prevent certain damage that leads to the visible/painful/inflammation reaction we identify as sun damage.”

Che dal poco di inglese che capisco significa:
“è una forma ideale di protezione solare perché favorisce l’abbronzatura ed è ad ampio spettro. Se ne vengono ingeriti 2 ml un’ora prima dell’esposizione al sole, le frequenze che sono state impresse all’acqua vibreranno sulla pelle in modo tale da annullare circa il 97% dei raggi UVA e UVB prima ancora che colpiscano la pelle. Ciò si traduce in una copertura( protezione ? ) per circa tre ore. Questo è simile alla quantità di riflessione UV creato da filtri solari SPF 30 con titanio / zinco, ma nettamente meglio dei filtri solari chimici UVB che prevengono certi danni che portano alle reazione dolorose / infiammazioni visibili che noi identifichiamo come “danni da sole”.

CHIARO? CAPITO TUTTO? beviamo un’ora prima meno della metà di un cucchiaino da caffè di questa roba ed i raggi ultravioletti non arrecheranno danni come se ci fossimo applicati una protezione SPF30. Anzi gli UVA e UVB saranno “annullati” prima ancora di raggiungere la pelle .
Non ci credete ? Ecco la spiegazione scientifica:

UV Protection Water contains frequencies that cancel out UV radiation. They last about three hours and the water should be taken one hour prior to sun exposure (one and a half hours if taken on a full stomach). For some people, the effects can be continued throughout the day by simply repeating the dose after three hours.”

Il prodotto contiene frequenze (!?!) che cancellano le radiazioni UV.
DELUSIONE !! Nella mia affannosa ricerca di un colossale cioccapiatti cosmetico non italiano, mi ritrovo una vecchia storiella che circolava una 15 di anni fa in Italia. Ricordo alcune linee cosmetiche del canale erboristeria dove si vantava la presenza di acqua armonizzata.
Quando chiesi al fornitore cosa intendeva, mi raccontò una storia di frequenze e vibrazioni che non capii.
La storia si è evoluta nella supercazzola pseudoscientifica dei cluster dell’acqua di cui parlo in ACQUA NANOTECNOLOGICA? .
Niente di nuovo sotto il sole ?
Certamente un prodotto ingerito, prima di arrivare alla pelle, magari passa per il fegato e francamente ancora non avevo visto sul mercato un prodotto che protegge il nostro fegato dalle radiazioni UV.
Forse ci siamo. Prima di verificare dove si è laureato Ben Johnson mi sono guardato un suo video.

CASPITA! gesticola come un italiano !!!


Ben Johnson, MD

Dr. Ben Johnson, MD, esperto in Apperance Medicine, il genio che ha lanciato sul mercato una acqua armonizzata che se bevuta garantisce una protezione SPF30 dagli ultravioletti


Visto che sempre più persone amano auto-prodursi cosmetici ricordo che la produzione dell’acqua armonizzata non è difficile o complessa.

Lo strumento ideale è il Didjeridu . Lo so che è uno strumento tradizionale degli aborigeni australiani che non si trova in tutte le nostre case, ma volendo in una ex-fabbrica di televisori di Abbiategrasso oggi producono economici Didjeridu in plastica naturale che soddisfano egregiamente alla bisogna.
Il vero limite dei Didjeridu è che è impossibile suonarli dopo iniezioni di botulino nell’area delle pieghe nasogenie o dopo aver gonfiato il labbro superiore con filler canottanti ( quelli che trasformano le labbra in un canotto gonfiabile ).
Rin gong at Kiyomizu-dera, Kyoto.JPG In questi casi l’alternativa ideale sono le campane tibetane. Ho un amico che per modica cifra organizza incontri con casalinghe disperate, giovani e carine dove dopo essersi sdraiate si impara tutto sulle campane tibetane.
In ogni caso , qualunque strumento si utilizzi, l’acqua si armonizza se viene esposta al suono per almeno 24 ore senza la minima interruzione.
Il trattamento con acqua armonizzata è sconsigliato a chi soffre di acufene o a chi è allergico .
Se si vuole che l’acqua armonizzata cancelli i raggi UV, va conservata accuratamente al buio.

NON SIAMO OBBLIGATI AD ESSERE NOIOSI

 

 

 

 


Rodolfo Baraldini

pubblicato 1 giugno 2014

[post_view]

I commenti, le testimonianze e le opinioni sono sempre graditi. I programmi anti-spam possono far si che il commento sia visibile nel blog solo dopo approvazione. Per inserire nei commenti un link, rimuovere http:// e www. I commenti con argomentazioni ad personam, promozionali o non pertinenti verranno cancellati. Non è questa la sede per supportare le proprie tifoserie, fedi o ideologie.

3 Commenti

  1. Oddio, avevo appena finito di leggere un articolo su una tipa che si è persa un sacco di chili in pochi mesi dove si parlava di un procedimento simile. A quanto pare il sitema è molto utilizzato

    http://www.ilgiornale.it/news/politica/solo-quel-genio-einstein-riuscito-farmi-dimagrire-1041243.html

  2. Premessa. In USA l’eritema solare è considerata una malattia dal 40′. Qualsiasi cosa che cura o previene una malattia viene considerato drugs. I prodotti sun care sono OTC in USA e hanno un iter di approvazione più complesso rispetto ai normali cosmetici.
    Domanda: Ma come c… sto prodotto sta in commercio????

    • Il sistema dei controlli in USA è evidentemente meno efficiente di come pensiamo.Non a caso anni fa è partita la campagna “safe cosmetic” ed ora è in discussione un nuovo Cosmetic act che avvicina le norme Usa a quelle Europee. Un prodotto del genere, venduto come bibita, potrebbe non essere sanzionabile , se non si individuano elementi di mislabeling.

Commenta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Choose a Rating